Menu
vuoto-rossetti

 

Lo sapevate che Guidonia è gemellata con una nota città americana

cape carnevalCittà di recente fondazione (1937) e tra le più popolate della regione con i suoi 90mila abitanti complessivi, Guidonia non può vantare i monumenti e le testimonianze storiche della vicina Tivoli. La presenza di un avamposto civile-militare, tuttavia, la rende unica tra le città del Lazio. Il riferimento va, ovviamente, all’aeroporto intitolato alla memoria dell’aviatore Alfredo Barbieri che proprio quest’anno ha raggiunto i 100 anni dalla fondazione, avvenuta nel 1916, in località La Prata.
Progettato come campo di addestramento per piloti durante prima guerra mondiale, negli anni immediatamente successivi, l’aeroporto, oltre a svolgere le proprie funzioni militari è divenuto anche il luogo di incontro di tecnici e ingegneri con l’istituzione della Direzione Sperimentale dell’Aviazione, un ente che contribuì allo sviluppo degli studi aeronautici anche tramite  l’installazione, al Barbieri, di impianti come gallerie del vento, idrodinamiche e ultrasoniche, all’avanguardia nazionale in quel periodo storico. Il bombardamento del 1944 distrusse parte delle strutture dell’aeroporto che, progressivamente, cominciò a perdere il suo ruolo strategico pur rimanendo, tuttora, sede di vari enti dell’Aeronautica militare.
La presenza dell’aeroporto Barbieri e il citato contributo allo sviluppo degli studi aeronautici ha favorito l’istituzione di un gemellaggio, nel 1988, tra Guidonia e la città americana di Cape Canaveral. Quest’ultima si trova in Florida ed è nota per essere la sede del JF Kennedy Space Center, ovvero il centro spaziale della Nasa, l’agenzia governativa che sovrintende alle missioni e ai programmi di sviluppo aerospaziali degli Stati Uniti d’America. Da Cape Canaveral sono stati lanciati nello spazio satelliti, sonde e razzi nonché avviate missioni tra le più celebri della storia come l’Apollo 11, il cui equipaggio toccò il suolo lunare il 20 luglio 1969.  
Benchè non paragonabile per importanza alla storia attuale del polo aerospaziale americano, tornando indietro nel tempo, Guidonia è stata a tutti gli effetti la Cape Canaveral italiana nella prima metà del secolo scorso. Emblematico quanto scrive a riguardo, il giornalista Bruno Montanari in un articolo del 1940, pubblicato sulla Gazzetta del Popolo: “ A Guidonia tutto procede come nei castelli incantati; tocchi un bottone e una lampada si accende da qualche parte, un organismo comincia a ruotare, uno strumento entra in funzione. Qui la magia dell'uomo fabbrica il vento, crea la stratosfera, rapisce all'etere i misteri della propagazione delle onde, misura l'incommensurabile, pesa l'imponderabile".
 Alessandro Bianchi
Ultima modifica ilVenerdì, 25 Novembre 2016 17:35
Torna in alto
Irish bookie Coral cbetting.co.uk location at United Kingdom
List with onlain bookmakersGBETTING