Menu
vuoto-rossetti

 

3 ricette alle erbe spontanee di primavera

erbe medicinaliLa primavera una stagione che ci offre la più vasta gamma di erbe spontanee da raccogliere, un’attività che unisce salute e divertimento. Con appena un po’ di consapevolezza e conoscenza di queste piante durante le nostre passeggiate in campagna possiamo coglierle e usarle in cucina per preparare gustosissime ricette. Tra le tante varietà che la natura ci offre in abbondanza in questo periodo abbiamo scelto borragine, bruscandoli e portulaca e vi suggeriamo tre piatti semplici perfetti per rimanere in forma!

 

 
Borragine La prima ricetta ce la suggerisce Silvia Sgrigna,60 anni, originaria di Roma ma residente a Villa Adriana, che abbiamo già conosciuto in un precedente Speciale Salute e Benessere. Silvia è maestra di ballo dell’ASD Danze Sportive Aniene, e quando non è in pista ad allenarsi a ritmo di Salsa e Cha Cha Cha adora esprimere la sua creatività con lavori manuali di cucito e decorazione o con la preparazione di deliziose ricette a base di ingredienti naturali. Tra i suoi piatti forti del periodo primaverile c’è “la ricetta povera”, spaghetti conditi con la Borragine che coglie personalmente nei campi vicino casa insieme al compagno Carlo Paniccia, 70 anni, anche lui maestro di ballo.  

INGREDIENTI (per 4 persone)
spaghetti 400 g,1-2 spicchi d’aglio, 10-15 tuberi di borragine, pomodori maturi (o passata di pomodoro) peperoncino, olio e sale qb, parmigiano

Preparazione:   
Lavate per bene la borragine   togliendo la parte esterna ruvida ed eventuali fiori. Lessarli in acqua salata. Preparare in una padella il soffritto con olio, gli spicchi d’aglio e un po’ di peperoncino. Quando l’aglio si inizia a colorire aggiungere pomodori  e sale. Lasciare cuocere per 5-10 minuti. Quando le strisce di borragine sono quasi cotte aggiungere gli spaghetti nella stessa acqua di cottura, scolarli al dente e ripassarli nella padella contenente il sugo. Infine spolverare peperoncino e parmigiano a piacimento e gustare caldi.
Nb. Se non si ha a disposizione la borragine si può seguire lo stesso procedimento con i Cardi (spini selvatici)

 

Tortillas di portulaca Piccola, infestante, difficile da debellare ma… saporita! La portulaca (nel Lazio conosciuta col nome di porcacchia) è una pianta diffusissima nei nostri orti e giardini, a volte anche fastidiosa perché invade i vasi delle piante e le aiuole. Eppure se ne sottovalutano gli importanti benefici: ricca di acidi grassi polinsaturi di tipo Omega 3, la portulaca è considerata una fonte vegetale fondamentale per regolarizzarne il fabbisogno. Infatti gli Omega 3 sono i grassi buoni che ci aiutano a prevenire diabete, malattie cardiovascolari, ridurre il colesterolo e i trigliceridi. In questo modo favoriscono una migliore circolazione del sangue. Proprio per la presenza di acidi grassi polinsaturi la portulaca ha anche proprietà diuretiche, depurative e anti-batteriche

INGREDIENTI
100 gr di portulaca, 1 cipolla, 4 patate medie, 4 uova, sale q.b, pepe, olio evo

Preparazione:   
sbucciate patate e cipolla e tagliatele a fette sottili; poi lavate la portulaca e lasciate asciugare; nel frattempo sbattete le uova in una ciotola dai bordi alti e aggiungete un pizzico di sale e pepe. Scaldate l’olio in una padella antiaderente e quando è caldo fate soffriggere la cipolla e le patate. A metà cottura aggiungete la portulaca e le uova precedentemente sbattute abbassando la vivacità della fiamma. Quando la tortillas è ben cotta su entrambi i lati, spegnete il fuoco e portate in tavola.

 

Risotto ai Bruscandoli  Noti anche con il nome di asparagina selvatica per la forte assomiglianza agli asparagi selvatici, i bruscandoli Hanno proprietà tonificanti, rinfrescanti, diuretiche e lassative oltre ad essere poverissimi di calorie. Rappresentano anche un ottimo rimedio per combattere la cellulite ! Comunemente, se ne usano le cime (il germoglio vero e proprio), le foglie ed anche i gambi che tagliati a pezzetti sono ottimi per le frittate. Sarebbe preferibile far uso dei bruscandoli freschi, appena raccolti, anche se è possibile conservarli per alcune ore mantenendo il mazzetto in un bicchiere con dell’acqua.

INGREDIENTI
 un mazzetto di bruscandoli, 300 g di vialone nano, mezza cipolla, olio EVO, sale e pepe
brodo vegetale, una noce di burro, uno-due cucchiai di latte  

Preparazione:   
Pulire, lavare con cura e tagliuzzare finemente i bruscandoli.Tritare la cipolla e quindi soffriggerla in olio EVO; aggiungere i bruscandoli, sale e pepe e continuare a soffriggere per 5-6 minuti. Aggiungere il riso vialone, farlo tostare e bagnarlo con brodo vegetale portandolo a cottura per 18 minuti circa, versando il brodo vegetale mano a mano. A fine cottura, a fuoco spento, aggiungere burro e latte, aggiustare di sale e pepe e mantecare per 2 minuti coprendo la pentola con un canovaccio; accompagnare con  Parmigiano Reggiano grattugiato.

Torna in alto
Irish bookie Coral cbetting.co.uk location at United Kingdom
List with onlain bookmakersGBETTING