Monterotondo – Numeri record per la Biblioteca comunale dopo la riapertura

24 / 01 / 2014

Ancora numeri record per la “nuova” biblioteca comunale. Dalla riapertura nel mese di aprile, dopo i lavori che ne hanno profondamente rinnovato e impreziosito spazi e servizi e dopo l’aumento dell’orario d’apertura, il centro culturale continua infatti a registrare ottimi risultati in termini di presenze, aumenti di dotazioni librarie, prestiti di volumi e rinnovate ospitalità di iniziative educative e culturali.
Alle novità strutturali – nuova dotazione di dispositivi in radiofrequenza per il controllo inventariale immediato dei libri, servizio self service del prestito, nuovi arredi e impianti d’illuminazione, allestimento dell’area bambini – sono seguite altre iniziative che hanno ulteriormente innalzato il livello quantitativoqualitativo dei servizi offerti. Tra queste l’aggiornamento dell’emeroteca, con la sostituzione di abbonamenti di riviste ormai poco seguite a vantaggio di nuovi e più appetibili periodici e l’acquisto di nuovi volumi, eseguito a seguito di un bando pubblico strutturato sulla base delle segnalazioni e dei desiderata avanzate dagli stessi utenti. Ora i volumi a disposizione hanno superato quota 22mila, tra cui nuovi e preziosi testi universitari di medicina, anatomia, farmacologia, architettura ed elettronica.
Prossimi obiettivi l’ampliamento della copertura wi-fi in tutta la struttura, l’imminente inaugurazione della sezione libraria dedicata ai diritti degli animali e l’apertura, al piano inferiore, della sezione romana del Museo archeologico territoriale.
“I risultati del secondo semestre 2013 – afferma l’assessore alla Cultura Riccardo Varone – dimostrano che le migliorie stanno dando i frutti sperati. La biblioteca è diventata più moderna e funzionale, al passo coi tempi e in grado di soddisfare al meglio le esigenze degli utenti. Sottolineo inoltre l’ottima risposta delle associazioni culturali alla rinnovata disponibilità della Sala conferenze, che ogni settimana ospita eventi e appuntamenti di rilievo, confermando quella vocazione di centro culturale a tutto tondo che la Angelani ha sempre ricercato”.
Da segnalare a riguardo la seguitissima seconda edizione delle “Conversazione filosofiche” condotte dal professor Lucio Saviani, tra i principali esponenti dell’ermeneutica in Italia, con le prestigiose presenze di esponenti della cultura e dell’arte e le attività educative e didattiche per studenti delle scuole di ogni ordine e grado, anch’esse frequentatissime: solo restando nell’ambito dei bambini di scuola elementare sono oltre duemila le presenze previste da novembre a maggio.
“Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto in questi mesi – aggiunge il presidente dell’Icm Anna Rita Micheli – e come noi credo lo siano anche gli utenti del centro culturale. Ora le nostre attività sono concentrate sulla prossima apertura del museo archeologico di Palazzo Orsini, previsto per maggio, e per la contestuale apertura della sezione reperti romani al piano inferiore della biblioteca, altri grandi impegni del Cda che ho l’onore di presiedere. Ringrazio intanto, perché lo meritano davvero, sia i componenti del personale Icm, sia i numerosi volontari che ci aiutano nella gestione delle attività”.
Analoga soddisfazione è espressa anche dal sindaco Alessandri, il quale da atto “all’assessorato, al Consiglio d’amministrazione e al personale di Icm di aver interpretato nel migliore dei modi la funzione strategica dell’Istituzione culturale, riuscendo a cogliere in tempi brevi straordinari risultati sotto l’aspetto quantitativo e qualitativo, come il potenziamento del centro culturale Angelani dimostra ampiamente”.