Guidonia – Rubeis chiude l’Inviolata. Che succederà adesso nei comuni che non sanno dove portare i propri rifiuti?

12 / 02 / 2014

La discarica da oggi chiusa con un’ordinanza del sindaco di Guidonia Montecelio per “gravi motivi sanitari”. Disagi annunciati per i tanti comuni che non fanno la raccolta differenziata spinta.

L’aveva detto e l’ha fatto senza avere un minimo di tentennamento. Il sindaco di Guidonia Montecelio Eligio Rubeis ha chiuso la discarica dell’Inviolata firmando con un’ordinanza dettata da “gravi motivi sanitari”.
Lo scenario che si apre adesso per i 49 comuni dell’ambito territoriale che usufruiscono dell’Inviolata per smaltire il tal quale e gli inerti è pieno di interrogativi. E’ sin troppo facile immaginare i disagi che accuseranno gran parte delle città del comprensorio tra cassonetti strapieni, rifiuti abbandonati in strada e le comprensibili proteste dei cittadini. Scene già viste anche nei tempi recenti a Tivoli, mentre invece non si dovrebbero registrare a Guidonia dove l’amministrazione ha già preparato da tempo un piano alternativo per smaltire l’immondizia.
“La base sulla quale l’ordinanza è stata costruita – hanno spiegato con una nota dal Comune di Guidonia -, in netta controtendenza con quanto disposto ieri l’altro dalla Regione Lazio, dal suo presidente Nicola Zingaretti, dall’assessore all’Ambiente Michele Civita, è che dalle risultanze effettuate negli uffici comunali la discarica è esaurita e non, come sostenuto da Zingaretti e Civita, ancora disponibile ad accogliere lo sversamento di 10mila tonnellate di rifiuto, seppur inerte, nell’ultimo sesto invaso dove una proroga dell’agosto scorso, a firma del vicepresidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio, aveva autorizzato un ulteriore abbancamento di tal quale. Oggi Eligio Rubeis prende una decisione di rottura rispetto le linee regionali, lo fa per il bene dei cittadini, scegliendo di dissentire (anche) dalle prospettive regionali di utilizzazione dell’impianto di Tmb da metà marzo, un impianto senza autorizzazione di legge né discarica di servizio”.
“La Regione – prosuegue la nota del Comune – fa forzature a beneficio dei comuni inadempienti e contro gli interessi della città di Guidonia Montetecelio soprattutto quando annuncia, d’accordo con il gestore dell’impianto di Tmb, Colari-Ecoitalia ’87, che da metà marzo esso potrà essere a disposizione dei comuni che ancora trattano il tal quale. Non ci siamo. E’ proprio su tre questioni fondamentali che si basa l’ordinanza Rubeis: uno, che la società Ecoitalia ’87 srl ritiene siano ancora utilizzabili spazi per circa 10mila tonnellate da allocare nel sito in coltivazione, ma questo all’amministrazione non risulta; due, che la circolare ministeriale del 6 agosto 2013 precisa la natura equipollente della raccolta differenziata, in contrasto con quanto disposto dalla Regione Lazio nella direttiva dell’ 8 febbraio con la quale dispone di “rispedire” gli inerti post lavorazione dei 48 comuni all’Inviolata; tre, che comunque ulteriori abbancamenti dovrebbero essere autorizzati da un rinnovo della ordinanza Smeriglio che scade però questa sera a mezzanotte: vi è il concreto rischio comunque, precisa ancora Rubeis nella ordinanza, di abbancare rifiuti pur trattati in un’area attualmente interessata da un piano di caratterizzazione, approvato con determina dirigenziale del settembre 2012 del comune di Guidonia Montecelio per la quale è in corso la conferenza dei servizi ai sensi del quarto comma dell’art. 242 del testo unico sull’ambiente, che, quindi, consentire un ulteriore abbancamento di rifiuto, seppur trattato, ma non proveniente da raccolta differenziata come ancora previsto da direttiva regionale, risulterebbe in contrasto con gli indirizzi normativi e in particolare con il decreto legislativo 36 del 13 gennaio 2003. Preso atto di tutto questo, conclude il sindaco nel documento, si ordina la chiusura della discarica in località Inviolata e si fa divieto a chiunque di conferire rifiuti a far data da oggi”.

 

Leggi anche: Monterotondo – Rifiuti, dopo la chiusura dell’Inviolata il Comune annuncia disagi: non garantito lo svuotamento dei cassonetti