Tivoli – La città torna sommersa dai rifiiuti. Scoppia una nuova emergenza dopo la chiusura dell’Inviolata

17 / 02 / 2014

Da Tivoli Centro a Villa Adriana, da Ponte Lucano a Tivoli Terme l’inquietante scenario di strade piene di rifiuti e cassonetti letteralmente sommersi dai sacchi di immondizia.

rifiuti tivoli 2Dopo la chiusura della discarica dell’Inviolata, a Tivoli già si registra l’emergenza rifiuti, con i cassonetti stracolmi e i sacchetti di immondizia abbandonati per strada o sui marciapiedi.rifiuti tivoli 3
Se per il momento la situazione non ha raggiunto punti di massima allerta sanitaria, si deve al fatto che parte dei rifiuti è ancora dentro gli autocompattatori.
Al momento non risulta che siano stati stipulati contratti per conferire nell’impianto della Saf a Colfelice e, seppur ci sarà, costerà alle casse comunali un esborso maggiore per tonnellata, che passerà dagli attuali 90 euro, pagati fino a ieri alla Ecoitalia87 per la discarica dell’Inviolata, ai 240 euro di Colfelice.
rifiuti tivoli 4C’è anche da dire che a Colfelice stanno già sul piede di guerra. Cominciando dal sindaco Bernardo Donfrancesco ripetono al presidente della regione Zingaretti e all’assessore Civita che i rifiuti della provincia di Roma non li vogliono.
Sono pronti a fare le barricate, ma i camion con i rifiuti non passeranno. Cosa che accadde anche quando volevano portarvi i rifiuti da Roma con l’emergenza della chiusura di Malagrotta.
Comunque lo stesso problema si prospetta per tutti i comuni che sversavano all’Inviolata: anche per loro si prospettano giorni difficili. Ne sapremo di più tra qualche giorno.

Marco Scipioni

 

 

 

 

rifiuti tivoli 5  rifiuti tivoli 6  

 

rifiuti tivoli 7  rifiuti tivoli 8