San Polo – Rifiuti abbandonati in strada, multe e controlli a Colonnella e Santa Balbina

Fino a 600 euro di multa per chi sarà sorpreso a lasciare rifiuti nelle vicinanze dei cassonetti. Il sindaco di San Polo dei Cavalieri, Paolo Salvatori, usa il pugno duro per contrastare l’emergenza immondizia che sta colpendo le frazioni distanti dal centro del paese, come per esempio Colonnella Patrascia, lungo la Maremmana Inferiore da Marcellina verso Guidonia, oppure Santa Balbina, lungo al Tiburtina in direzione da Tivoli verso Vicovaro.

E’ proprio in queste due località che negli ultimi tempi sono comparse montagne di rifiuti, delle vere e proprie discariche a cielo aperto cresciute esponenzialmente con l’avvio della raccolta differenziata porta a porta nei comuni limitrofi come Marcellina. Una situazione di degrado ambientale che provoca anche costi onerosi per gli interventi di pulizia straordinaria, chiaramente a carico dei contribuenti.

Da ciò la decisione del sindaco di firmare un’ordinanza nella quale vengono indicate le misure di controllo e repressione per arginare il problema: “Considerato che nelle estreme propaggini del territorio comunale si verifica quotidianamente che cittadini residenti nei comuni limitrofi conferiscano rifiuti urbani e assimilati nei cassonetti posti sul territorio del Comune di San Polo dei Cavalieri causando indecorosi accumuli, pregiudizio per la pubblica igiene e un notevole aggravio di spesa” questa la premessa che si legge nel testo dell’ordinanza firmata da Salvatori e che annuncia “nuove e più stringenti misure a difesa del decoro del territorio”. 
Per i cittadini non residenti a San Polo e i titolari di attività non insediate nel territorio comunale o comunque non iscritti negli elenchi delle utenze domestiche e non domestiche c’è “il divieto assoluto di conferimento di qualsiasi tipo di rifiuti nei cassonetti e contenitori dislocati nelle aree del territorio comunale” e i trasgressori saranno puniti con una sanzione che va da un minimo di 25 euro ad un massimo di 500 euro.
Multe da 105 a 620 euro per chi viene trovato “a lasciare sacchetti di immondizia e rifiuti in genere sparsi a terra nelle immediate vicinanze dei cassonetti o contenitori per la raccolta differenziata dislocati sul territorio comunale”.
Mentre se l’abbandono di rifiuti sul suolo riguarda rifiuti non pericolosi e non ingombranti sarà applicata una sanzione da 25 a 155 euro.