Il mio incontro con Papa Wojtyla. Il racconto in dialetto della visita a Subiaco nel 1980

26 / 04 / 2014

Una testimonianza eccezionale della visita di Papa Giovanni Paolo II a Subiaco nel lontano 28 settembre 1980. Un evento storico per la comunità locale vissuto in prima persona dal giornalista Fabrizio Lollobrigida che ebbe la fortuna di incontrare il Pontefice e colloquiare con lui.
Di seguito il suo racconto in dialetto sublacense.

Ju mese de settembre de ju 1980, stea quasi pe’ finì. La matina de sabatu 28 ariarinu a San Benedetto tanti Abbati benedettini, prechè se teneanu da vede’ pe’ parla’ delle cose seje. Ma a San Benedetto non ariarinu solo j’ Abbati, ma finente chi stea sopre a tutti issi, ju Papa. Era quasi mezzogiorno, ‘na bella giornata, quandu da n’elicottero biancu che era calatu fori aju Boschetto, rescì ju Papa,ossia Giovanni Paolo II.
Ca’ benidizione a chi ju stea a aspetta’, nu salutu co le mano, po’ co passu sverto e decisu resallì pe ju’ Boschettu fino a San Benedetto. Se gira’ attorno, ette la benidizione a tutti, Abbati e monaci, po’ se nserarenu rentro.
Rerescirenu doppo pranzu e ju Papa volle fassella a peje fino a Santa Scolastreca. Pianu, pianu eo m’avvicina’ aju Papa che camminea tranquillu tenennu a fiancu ju segretario seo Stanislaw Dziwisz e ju comandante della scorta, Camillo Cibin. Me guardà e me chiese co tanta semplicità chi ero. ”Sono un giornalista e sto qui per scrivere un articolo per il mio giornale sulla sua visita a Subiaco”, eo ci respose, co’ ju core che me battea forte preché me parea che me llo steo a sogna’.”Bene e buon lavoro”,me respose ju Papa.
Mentre camminea, senteo che volea sape’ da chi ci stea vicinu i nomi deji paesi e delle montagne che vedea lontanu, ogni tantu se fermea e icea “come è bello, che belle terre”.
Ariatu a Santa Scolastreca, ju Papa me salutà co lla mani, po’ salutà j’Abbate Stanislao Andretti, i monaci e i tanti preti che ju steanu a aspettà. La giornata però non finì cusì ,prechè ju Papa calà a Subbiacu, isse la Messa aju Campu n’mezzo a tanta gente, fece nu discorso e salutà ju sindacu de Subbiacu, Mario Caronti. Doppo se fermà a Sant’Andrea, po’ i’ aju Laboratorio addò ju stea a aspettà don Igino Roscetti, che tantu era fattu pe organizza’ la visita deju Papa, e tante are persone. ”Santità,torna presto a Subiaco”,ci issero i reazzitti dell’asilo Maria Immacolata. Papa Wojtyla resallì sopre aj’elicottero che, commannatu daju maggiore Armando Verna, j’era portatu a Subbiacu. Po’ daju vetro ette un’aru salutu a Subbiacu e subbitu j’elicottero repartì.

Fabrizio Lollobrigida