Fabio Proietti detto Sales (Lista Aldo Cerroni sindaco): “Da sempre vicino ai bisognosi, in politica per aiutare gli altri”

02 / 05 / 2014

Chi è

sales2Fabio Proietti nasce a Villanova di Guidonia il 3 Maggio 1967. Imprenditore, sposato con Lucilla, padre  di Silvia. Dagli anni ’70 diventa personaggio pubblico grazie a trasmissioni televisive e radiofoniche locali che consentono di essere riconoscibile ed apprezzabile tra la gente comune con il soprannome di “Sales”.

Fondatore e membro della confraternita San Giuseppe Artigiano di Villanova, vice presidente dell’associazione Nazionale Combattenti e Reduci, è promotore di numerosi eventi di aggregazione sociale e di solidarietà.
Fonda ed è presidente dell’associazione “L’Alberone Eventi”, con la quale organizza il concorso di successo “Miss Terme”, la “Giornata della Prevenzione Medica”, la raccolta alimentare per le famiglie in difficoltà, il primo convegno a Tivoli intitolato “Iinsieme per un cuore più sano”.
E’ membro del Consiglio d’istituto e Giunta Esecutiva, all’Istituto Comprensivo Giuseppe Garibaldi di Setteville di Guidonia. Ha inoltre organizzato il primo concorso patrocinato dalla Regione Lazio “Dintorni di poeti”.

 

 

 

 

L’intervista

 

Si vota per scegliere chi guiderà il Comune di Guidonia Montecelio nei prossimi 5 anni. Lei, si presenta candidato consigliere nella lista civica per Aldo Cerroni Sindaco. Ci spiega le ragioni della scelta?
“Ci tengo a dire che è la mia prima volta in politica: stessa cosa anche per Elisabetta Russo e Katia Mannozzi che come me, hanno voluto mettersi al servizio dei cittadini, con l’obbiettivo comune di aiutarli concretamente. Far parte di una lista civica era proprio quello che volevo. Conosco da molti anni Aldo Cerroni, con cui parlai tempo fa della possibilità di una collaborazione tra noi. Lui ha fatto una scelta coraggiosa e cioè quella di non far parte più di un partito, cercando il consenso dei nostri concittadini, con una lista tutta sua. Io questa scelta l’ho appoggiata pienamente e sono contento di far parte del suo progetto. Inoltre da sempre sono stato dalla parte della gente comune e lo dimostrerò ancor di più di quanto già fatto fin d’ora se sarò eletto”.

 

Una volta eletto, quale sarà la prima cosa che farà da consigliere?

“Intanto ne ho già parlato con Aldo Cerroni: se i guidoniani dovessero scegliermi, il compenso economico che mi spetterà per la carica di consigliere, lo devolverò in beneficienza. Io uno stipendio ce l’ho già, ed è quello derivante dalla mia professione di imprenditore”.

 

Quale sarà la prima azione concreta mirata ad aiutare la cittadinanza?
“Partendo dal fatto che mi sono candidato all’interno di una lista civica, non legata ad apparati di partito, significa che tutto ciò mi consente e mi consentirà in futuro di essere libero e creativo di poter portare avanti le mie idee. Soprattutto voglio essere concreto e occuparmi sin dal primo giorno delle famiglie e di ogni singola persona. Visto che sia il mio lavoro che i miei tanti interessi mi portano da sempre a occuparmi del sociale e da qui che voglio partire. Ho sentito per anni i malcontenti e ascoltato di cosa ha bisogno la gente che incontro ogni giorno. Il mio primo obiettivo è quello di creare una carta dei servizi sociali: alcuni di questi vanno ripristinati adeguatamente perché al momento sono stati compromessi”.

 

Oltre alla “carta dei servizi sociali” quali altre iniziative intende intraprendere?
“Le cose da fare sono molte: creare maggiore occupazione, migliorare la sanità, far sentire più sicure le persone all’interno del proprio territorio e cosi via”.

 

In ultima analisi, cosa si sente di dire ai suoi concittadini?
“Io amo profondamente il posto dove sono nato e cresciuto. Tutto questo, mi induce a mettermi in prima persona nel provare a cambiare questa città. La mia intenzione e far rinascere Guidonia Montecelio dal degrado in cui si trova al momento. Il bene comune è l’ obiettivo da raggiungere”.

Mario Ridini