Mentana – Sport e solidarietà in favore dei bimbi malati, in ricordo di Federico

11 / 06 / 2014

Clicca per visitare la galleria immaginidato-fotogallery2

 

 

federico levatino1ok
Federico Levatino

Una giornata di festa con Federico Levatino nel cuore. Sabato 7 giugno la famiglia e gli amici si sono ritrovati per ricordare l’amico morto in un incidente stradale nel 2011.
Per la cronaca sportiva il triangolare è stato vinto dalla squadra “Amici di Federico”, che ha avuto al meglio sui “City Angels” battuti per 6 a 1 e “Casali” battuti per 5 a 0. A bordo campo erano presenti anche il dj Luca Rosari e due osservatori calcistici della R.O.I. Italia (Rete Osservatori Italiana) Luca Barbanti e Dario Falchi che hanno decretato il migliore in campo e miglior portiere.
E’ stata soprattutto l’edizione di Casali, la frazione dove Federico è nato e cresciuto, e dove l’amico organizzatore Giuseppe Orlando ha voluto fortemente trasferire l’evento per il significato simbolico che rappresenta. Ad aiutarlo nell’organizzazione anche gli amici Valerio Baccani, Marco Guidarelli e Manuel Petracci.
Molto emozionata la famiglia di Federico, il padre luogotenente dell’Esercito Giuseppe Mario Levatino, la madre Stefania e la sorella Cristina. Anche quest’anno verrà fatta beneficenza attiva con l’ausilio di Don Rocco, gli organizzatori entro fine mese andranno al reparto di pediatria dell’ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli e compreranno un televisore che manca in quel reparto.
«E’ stata una giornata fantastica all’insegna della beneficenza, dello stare insieme e soprattutto del ricordo di Federico – spiega l’amico Giuseppe Orlando – E’ stato sicuramente il Memorial migliore di tutti quanti perché al campetto di Casali abbiamo trovato una situazione molto favorevole per svolgere il torneo e per far riemergere i vecchi ricordi che ci legano a Federico. Per questo ringrazio Omero Fioroni e tutto il “Comitato per Casali” per il trattamento speciale che ci ha riservato. Sono queste le giornate migliori che servono per ricordare una persona con il sorriso e saremo lieti di ripetere il torneo a Casali dove Omero ci ha dato già il consenso».