Subiaco – Pubblico delle grandi occasioni per il convegno su Don Pecoraro

11 / 06 / 2014

Sala Conferenze affollata, alla Biblioteca comunale di Subiaco, in occasione del convegno sul tema “L’esperienza politica di don Paolo Pecoraro – 1937/1945 – Gli anni della Resistenza e della Sinistra Cristiana”, promosso dal Comitato di Studi “Don Paolo Pecoraro” nel terzo anniversario della sua morte.
A rendere omaggio con la loro presenza alla figura e all’opera di don Pecoraro, c’erano amministratori locali, ex docenti ed alunni dell’allora Istituto Magistrale “G. Braschi”, dove don Pecoraro iniziò ad insegnare dal 1950, divenendone preside fino agli anni ’80, oltre a numerosi abitanti di Subiaco, entrati in contatto con don Pecoraro per motivi di studio o di lavoro.
A ripercorrere i momenti più significati della vita di don Pecoraro, ha provveduto il professor Francesco Malgeri, mentre l’onorevole Adriano Ossicini, presidente onorario del Comitato Nazionale per la Bioetica, ha inviato un messaggio nel ricordo della loro amicizia, nata per le comuni posizioni contro il fascismo e consolidatasi durante gli anni della Resistenza e della nascita del partito della “Sinistra Cristiana”.
“Rimane fondamentale – ha rilevato Ossicini nel suo messaggio – il contributo di don Pecoraro a tutta l’elaborazione teorica del nostro Movimento”, ricordandone pure l’operato sul piano assistenziale a favore di famiglie di ebrei. Nato a Roma nel 1916, don Pecoraro si laureò in materie letterarie presso l’università La Sapienza di Roma, ricevendo l’ordinazione sacerdotale il 24 luglio del 1940 dopo un periodo di impegno sociale e politico, nell’azione finalizzata a dare un volto cristiano all’Italia appena uscita dal fascismo, con il drammatico coinvolgimento nella seconda guerra mondiale.
Traferitosi a Subiaco negli anni ’50, don Pecoraro insegnò nell’istituto magistrale “G.Braschi”, divenendone preside fino agli anni ’80. Profondo studioso delle opere di Dante, don Pecoraro era in possesso di acuta intelligenza e di vasta conoscenza di discipline umanistiche, filosofiche, storiche e teologiche.

Fabrizio Lollobrigida