VIDEO Tivoli – Il Sindaco Proietti si presenta alla città

12 / 06 / 2014

20140612 123127

Questa mattina, presso la sala dei sindaci di Palazzo San Bernardino, il neo eletto Giuseppe Proietti ha tenuto la sua prima conferenza stampa. Accanto a lui, la commissaria prefettizia, Alessandra de Notaristefani di Vastogirardi per i consueti saluti di fine mandato. “Tivoli è una città complicata – dice la commissaria -, ma sono sicura che con il nuovo sindaco ci sarà un nuovo e positivo corso”. “Vista l’età avevo pensato, anche egoisticamente, ad altri progetti – dice sorridendo Proietti -, ma non mi sono pentito ed ho accettato la richiesta di questo impegno proprio per condividere la causa che ha portato Tivoli al commissariamento, ovvero la patologia che ha contraddistinto la storia istituzionale di questa città negli ultimi dieci anni”.

La macchina di governo

Proietti non vuole perdere tempo. La città ha dei problemi urgenti da affrontare e per questo ha deciso di comunicare che entro circa due settimane, durante la prima seduta del consiglio, vorrebbe già nominare l’ufficio di presidenza comunale, le commissioni consiliari e comunicare l’avvenuta nomina della giunta. Oltre a questo, il primo cittadino vorrebbe, nella stessa occasione, istituire due consulte: una destinata ai comitati di quartiere, l’altra alle associazioni di volontariato. “L’ultima amministrazione di Tivoli ha impiegato circa quattro mesi per organizzare la macchina di governo – continua Proietti -. Tempi accettabili non dovrebbero essere considerati un risultato straordinario, ma un dovere di ordinaria amministrazione”. Ancora non si conoscono i nomi dei “papabili” per la composizione della giunta. Ma il sindaco, che per la scelta dei sette assessori ha delega totale da parte delle otto liste civiche, tiene a precisare: “Saranno personalità all’altezza del compito e preparate. Non ci sarà soddisfacimento degli interessi di parte, ma solo quelli della città”.

 

Le partecipate: questioni calde

Si partirà dalla visione dei bilanci e l’operato di dirigenti. Di tutte. Su Asa spa Proietti anticipa che verrà rinnovata la concessione per il prossimo anno, con un’attenta supervisione sulle reali capacità tecnico organizzative della municipalizzata nel garantire un servizio adeguato ai cittadini. Con un occhio di riguardo ai dipendenti: “Trovo particolare il fatto che il 30% dei dipendenti di Asa abbiano dei certificati che ne attestano la limitazione fisica. Proprio perché è una società partecipata, il comune ha il dovere, e l’onere, di controllare ed agire nei confronti di questa situazione, conformandole alle disposizioni di legge. Quello che vale per i dipendenti comunali deve valere anche per le municipalizzate, diversamente per il servizio si dovrebbe provvedere con gara pubblica”. Mentre sulle terme si pensa all’acquisizione del 40% oggi in mano a Terranova, per riaprire la società al mercato. “Trovo assurdo che oggi il socio di minoranza ha in mano la totale gestione delle terme – dice -, e in queste condizioni nessun investitore si farebbe avanti”.

 

Il bilancio

Il sindaco è a tutti gli effetti operativo. La prossima settimana si svolgerà un incontro con la commissaria per analizzare in dettaglio la situazione finanziaria, soprattutto di cassa. “Solo conoscendo le reali capacità del comune si può stilare un programma dettagliato di intervento”, conclude Proietti. Dalla manutenzione ordinaria e straordinaria di strada e immobili, l’illuminazione pubblica, ma anche i servizi sociali.

 

Veronica Altimari