Animali: Alessia, la mia vita con Giulietta

02 / 10 / 2014

Alla sua inseparabile amica a quattrozampe ha dato il nome di  Giulietta combinando la sua passione  per l’omonima automobile con  il proposito di scegliere un nome di persona per quella che è diventata a tutti gli effetti un membro della sua famiglia.

Lo splendido batuffolo di pelo bianco che vedete nella foto è entrato a far parte della vita di Alessia Diotallevi, 21 enne di Tivoli, poco più di un anno fa, quando aveva appena 45 giorni.
Con la sua padroncina, appassionata di cinema, cucina e lettura, condivide ogni istante della giornata, specialmente la sera quando è d’obbligo il momento delle coccole. Sul perché adottare un cucciolo Alessia non ha dubbi: “Ti riempie, migliora e allunga la vita”.

 

Giulietta è una vera amica a quattro zampe.
“Direi che è un compagna di vita. E’ sempre al mio fianco e mi fa stare tranquilla perché, anche se non si direbbe dalla mole, fa la guardia. Inoltre, le cure e le attenzioni che richiede sono in grado di distogliermi da ogni problema o preoccupazione e riesce sempre a strapparmi un sorriso”.

 

Come riesce a sorprenderti?
“In tante occasioni, ma ultimamente mi ha stupito la sensibilità che ha mostrato nei confronti di una mia amica in dolce attesa verso la quale si è sempre mostrata più pacata evitando di saltarle addosso”.

 

Tale cane tale padrone?
“Ebbene sì! Siamo entrambe pigre e giocherellone e soprattutto condividiamo la passione per il cibo e per gli esperimenti culinari”.

 

Ti definisci una padrona modello?
“Diciamo che forse l’ho viziata un po’ troppo, però sotto il profilo delle cure posso darmi un bel voto. Sono molto attenta al rispetto delle norme igieniche quando la porto a spasso, la porto ogni mese a controllo dal veterinario, le faccio il bagnetto quando è necessario e mi preoccupo di farle seguire un’alimentazione equilibrata e varia”.

 

La vesti alla moda?
“No, sono contraria ad eccessi e sfarzi che la renderebbero ridicola, mi limito a sceglierle bei cappottini e impermeabili che la riparino da freddo e pioggia”.

 

Come affronterai l’estate?
“Rispettando tutte quelle regole che servono a proteggerla dal caldo eccessivo. La farò uscire di casa solo nelle ore più fresche, la prenderò in braccio per non farla camminare con le zampe sull’asfalto rovente e porterò sempre con me dell’acqua per farla bere e rinfrescarla. Ma la cosa che mi entusiasma di più è l’idea di portarla in vacanza con me”.

Dalila Milano