Dal 6 al 14 dicembre: Il Motor Show di Bologna torna in pista

27 / 11 / 2014

Dopo la “pausa” del 2013  il Motor Show continua la sua corsa e conferma l’appuntamento con il pubblico dal 6 al 14 dicembre per la sua   39esima edizione.  Secondo le premesse, quest’anno sarà la conferma di quel DNA storico, fatto di sport, test drive, cilindri e gomme bruciate, ma non solo.

L’automobile, sempre protagonista, è il driver della manifestazione con un approccio ancora più mirato e attento alle nuove tendenze: non a caso smart sceglie il Motor Show per concludere il road show delle nuove fourtwo e fourfour al centro servizi di BolognaFiere.
Un occhio alla tecnologia con Innovaction , percorso interattivo ‘dentro’ e ‘intorno’ all’automobile per presentare al pubblico come la tecnologia rende l’auto sempre più sicura, sostenibile, personalizzata, divertente e sempre connessa.
 Con Outlet, format try & buy, ci sarà la possibilità ai visitatori di acquistare la propria auto direttamente al Motor Show. Non mancheranno poi le prove su pista, con le 10 aree esterne del quartiere fieristico bolognese, dedicate ai test drive.
Spazio poi alla cultura dell’automobile con la Route Motor Show: un percorso attraverso l’evento che include un’area dedicata alla Motor Valley, con i suoi marchi conosciuti in tutto il mondo, uno spazio Drive In per unire cinema, storia dell’automobile in un’atmosfera vintage, ai club ed i registri storici; non mancheranno le vetture che hanno segnato un’epoca attraverso le celebrazioni di alcuni anniversari di modelli indimenticabili.
Inoltre tanta musica ed intrattenimento per vivere il Motor Show per la prima volta anche extra orario; un palinsesto di eventi serali per coinvolgere il pubblico spaziando dalla musica alle nuove tendenze. Si parte il 6/12 con MTV che inaugura il Motor Show con l’esibizione live di J-Ax e Fedez; domenica 7 dicembre spazio alla musica dance con Benny Benassi & Friends. Sabato 13 dicembre il Motor Show ospita i Web Show Awards, il primo evento in Europa dedicato alle celebrities del web. Nel corso della serata verranno premiati diverse categorie di web star – dai gamers agli youtubers, dai campioni dello sport ai personaggi della musica, fino alle revelation delle rete – con alcuni ospiti d’eccezione.
Infine, la MotorSport arena, vero e proprio circuito che ospiterà esibizioni e gare di diverse discipline motoristiche. Il primo week end si apre con un programma su asfalto all’insegna della velocità che vedrà protagoniste in pista auto e moto: drifting con il Team Orange, GT Challenge, Auto GP, Trofeo V8, storiche e motocross.
  Grandi novità in pista a Motor Show 2014: la Formula E, serie automobilistica ideata dalla Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA), e dedicata a veicoli spinti da propulsori elettrici, al suo campionato inaugurale, solcherà per la prima volta l’asfalto dell’area 48; inoltre lo spettacolo della NASCAR Whelen Euro Series che sbarca al Motor Show con le sue stock car: il campionato, che conta milioni di fans, quest’anno fa il suo debutto al Motor Show portando in pista l’american racing style.
Il secondo week end la Motorsport Arena cambia assetto e diventa un circuito rally per accogliere tutte le categorie del campionato italiano ed una celebrazione dei modelli che hanno segnato gli anni ’70, ’80 e ’90. Anche la Supermotard protagonista del week end sterrato, con un cast di piloti protagonisti delle scene internazionali.
Gran finale, sabato 13 e domenica 14 dicembre, con il ritorno del Memorial Bettega: una special edition che metterà in scena una sfida tra celebrities del motorsport, e che vedrà anche la partecipazione del funambolo statunitense Ken Block, star di YouTube, con oltre 66 milioni di visualizzazioni.

 

Tra le novità del Motor Show: Formula E, il nuovo sport
glamour tanto amato dai Vip

 

 

Solcherà per la prima volta l’asfalto dell’area 48 al Motor Show di Bologna 2014.   La Formula E è   la serie automobilistica ideata dalla Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) che ha prodotto per ora tutte Spark-Renault SRT 01E. Ma c’è anche un po’ di Italia: è la parmense Dallara ad aver sviluppato il telaio in carbonio. La potenza è di 272 cavalli, con velocità massima limitata a 225 chilometri orari. Essendo a trazione elettriche, le monoposto sfrecciano soprattutto in accelerazione: bastano 3 secondi per passare da 0 a 100 chilometri orari. L’avvio del campionato inaugurale è stato lo scorso 13 settembre: composto di 10 team, ognuno dei quali fa competere due piloti, con a disposizione quattro vetture per scuderia, con un pit-stop obbligatorio per ripartire a bordo di una seconda vettura, con batteria carica (le Formula E montano una batteria Williams che ha una potenza di 28kWh). Gli esperti sono già all’opera per creare un sistema di ricarica della Halo (wireless) che prevede la ricarica per induzione. L’idea è di mettere queste superfici di ricarica direttamente sul circuito, evitando il pit stop. Peccato per il rumore, tasto dolente, che somiglia più al decollo di un aereo. Sarà la stessa cosa senza il rombo tuonante dei motori della Formula1?
La durata delle gare è fissata attorno ai 45 minuti e, al contrario della maggior parte delle categorie automobilistiche, saranno svolte quasi esclusivamente su circuiti urbani, con una lunghezza compresa tra i 2,5 e i 3 km. Dai circuiti italiani ai team da tappeto rosso Hollywoodiano: Leonardo di Caprio, molto attivo sul fronte ambientalista, ha cofondato il team Venturi, basato a Monaco. Alain Prost guida il team e.dams-Renault. C’è anche la squadra del fondatore di Virgin, Richard Branson. L’italiano ex Formula 1 Iarno Trulli è tra i piloti e ha fondato una squadra, la sua compagna di team è Michela Cerruti. In gara ci sono anche il nipote di Ayrton Senna, il figlio di Prost e di Nelson Piquet.

di Rara Piol