La tua città, ovunque tu sia

Le processionarie tornano con la bella stagione ma per i cani sono una minaccia

08 / 03 / 2017

La Primavera non è ancora ufficialmente arrivata ma ci sono già alcune segnalazioni circa la presenza di processionarie sugli alberi del territorio. Davanti ai primi avvistamenti, è bene ricordare che non rappresentano solo un pericolo per adulti e bambini ma anche per i nostri amici a 4 zampe.

cane processionariaCHE COSA SONO LE PROCESSIONARIE – Questi insetti devono il loro nome alla modalità con cui si muovono, ovvero seguendo una sorta di “processione”. Hanno una specie di mantello formato da uno strato di peli che, a contatto con la pelle, può provocare reazioni immediate molto fastidiose e scatenare in alcuni casi anche reazioni allergiche. Il pericolo non è solo per gli umani ma anche per cavalli e cani che potrebbero entrare a contatto con i peli delle processionarie.

 

COSA SUCCEDE SE IL CANE ENTRA A CONTATTO CON LE PROCESSIONARIE? – La conseguenza del contatto può condurre a eccessiva salivazione, dovuta al processo di infiammazione: la lingua dell’animale si ingrossa e assume dimensioni fuori dalla norma che possono condurre al soffocamento. Se la lingua del cane entra direttamente a contatto con il pelo urticante della processionaria, il tessuto cellulare può distruggersi e finire in necrosi.

 

SINTOMI – Oltre all’ingrossamento della lingua, sintomo evidente, ci sono altri segnali come la febbre, la perdita di appetito, vomito, diarrea e spossatezza.

 

COSA FARE? – E’ opportuno rivolgersi al più presto al proprio veterinario mentre immediatamente si deve provare a estrarre dalla bocca del cane la sostanza irritante, attraverso un lavaggio con una soluzione di acqua e bicarbonato. Meglio procedere con una siringa senz’ago, spruzzandola direttamente poiché l’animale potrebbe essere irritato o troppo dolorante. Chiaramente dopo l’intervento preventivo, la strada migliore da seguire è sempre ascoltare il parere di uno specialista del settore, in grado di valutare ogni singolo caso.