Incubo ultimo minuto per il Real Monterotondo Scalo

31 / 01 / 2018

 Anche domenica scorsa il Real Monterotondo Scalo si è visto sfuggire di mano la vittoria a causa della  “maledizione degli ultimi minuti”. 
 

E’ diventato un incubo per la formazione rossoblù affrontare gli ultimi minuti di gioco perché succede sempre qualcosa di negativo. La striscia negativa dei finali di gara da incubo inizia il 7 gennaio in Real – Crecas. Allo splendido gol di Baldassi replica Gallaccio a cinque minuti dalla fine con due punti persi in classifica. Domenica 21 gennaio, al Pierangeli arriva il Tor Sapienza. L’inizio gara dei rossoblù locali è da incubo, sotto di 0-3 dopo quarantasei minuti di gioco. Perso per perso il Real ha avuto una grande reazione, da 0-3 a 4-3 con doppia prodezza di Baldassi e reti di Barbarella e Tabarini. Sembra la riedizione di Italia-Germania del Mondiale Mexico 70 ma a due minuti dalla fine l’arbitro assegna un calcio di rigore agli ospiti a due minuti dalla fine e al gol del 4-4 si aggiungono altri due punti gettati via. Come dice il proverbio “Non c’è due senza tre” ed eccolo il terzo episodio nel quale il Real Monterotondo Scalo si getta via nei secondi finali. In casa del Monti Cimini un gol di Tabarini indirizza la squadra verso quella vittoria che in casa Real manca dal 12 novembre del 2017. Ma all’ultimo minuto del recupero Sargolini pareggia. Da quando è iniziato il 2018 il Real ha gettato via sei punti per gol subiti negli ultimi cinque minuti di gioco. “Chiederemo all’arbitro di finire prima la partita – cerca di scherzare il ds rossoblù Riccardo Albanesi – a parte la battuta credo che ci sia veramente una dose incredibile di sfortuna che ci perseguita. Altrimenti non si spiega che in un mese abbiamo gettato al vento sei punti. Non resta che lottare ancora con più determinazione e sono certo che il dazio alla jella l’abbiamo già pagato ed è ora che si torni alla vittoria”. Domenica al Pierangeli arriva l’Unipomezia, una delle grandi dell’Eccellenza: “Vogliamo sfatare questo tabù degli ultimi minuti e vogliamo tornare alla vittoria – continua il ds – la squadra gioca, produce palle gol ma poi alla fine ci manca quella cattiveria giusta per chiudere il match oppure di respingere gli attacchi avversari”. Una nota positiva è comunque quella di un Tabarini sempre più dentro il progetto di gioco Real ideato per lui da Centioni: “Il ragazzo è bravo e da tre domeniche va a segno con regolarità. Si è immerso nel nostro progetto e questo ci rende felici. Contiamo su di lui per tornare alla vittoria”. Domenica potrebbero anche tornare tra i convocati due giocatori importanti, il difensore Benda e l’attaccante Nardecchia. Una decisione in merito verrà presa venerdi sera dopo la rifinitura.  

 

di Sergio Toraldo