La tua città, ovunque tu sia

Health Clinic, L’anello di congiunzione tra sanità pubblica e privata, a tutto vantaggio del paziente

I tempi biblici delle liste d’attesa per la sanità pubblica sono inaccettabili, ma la sanità privata ha spesso costi proibitivi. La soluzione è nel mezzo, e nel mezzo c’è Health Clinic.
La clinica HC di Guidonia sta dimostrando un impegno sociale encomiabile: dopo l’iniziativa “Ascolta il Ritmo del tuo Cuore” che ha permesso a oltre mille cittadini di effettuare un test gratuito del ritmo cardiaco per la prevenzione dell’ictus cerebrale, ora la clinica sposta la sua attenzione sui tempi di attesa della sanità pubblica. I dati al riguardo sono allarmanti, l’Italia continua ad essere nelle ultime posizioni in Europa per quanto riguarda la tempestività della sanità pubblica, a fronte di un costo del ticket in continua ascesa.

Chi non vuole (ma soprattutto chi non può) aspettare è costretto a mettere mano al portafogli, rivolgendosi alle strutture private e affrontare spese talvolta fuori dalla portata dei pazienti meno abbienti. Il problema si acuisce quando si tratta di operazioni chirurgiche: in questi casi i tempi di attesa sono nell’ordine di mesi, se non anni, e rivolgersi a professionisti privati richiede uno sforzo economico non indifferente.
Per rispondere a questo problema Health Clinic ha instaurato una preziosa collaborazione  con il professor Francesco Bracci, specialista in Chirurgia Generale e Chirurgia dell’Apparato Digerente, nonché filantropo impegnato nella difesa del diritto alla salute. Lo sforzo comune ha dato vita al progetto di “chirurgia privata sociale” che permetterà ai pazienti HC, di ricevere prestazioni chirurgiche di assoluta qualità, senza tempi di attesa, a costi inferiori finanche del 60% in meno rispetto alla media nazionale. Un esempio pratico: un’operazione di ernia inguinale con il sistema privato-sociale costa il 60% meno della media nazionale, mentre una mastectomia privata-sociale costa meno della metà della media.
“Ho vissuto per anni entrambe le realtà, pubblica e privata, conoscendo le enormi differenze tra i due ambiti. Il criterio economico crea una disparità di trattamento tra utenti della sanità pubblica e quella privata che abbiamo il dovere di appianare” risponde il professor Bracci a chi domanda il motivo di questa iniziativa. Non avremmo potuto desiderare una risposta migliore.
 L’esempio è stato dato, possiamo solo sperare che il modello “privato – sociale” realizzato da HC e dal professor Bracci sia presto imitato da altri medici e altre strutture.