La rincorsa della Tivoli 1919 non si ferma sotto i colpi dei fratelli Di Giovanni

16 / 01 / 2019

Anche la Spes Poggio Fidoni è caduta sotto i micidiali colpi della Tivoli 1919. La formazione amarantoblù da quando è stata ripresa dal mister Andrea Di Giovanni con i rinforzi messi a disposizione dalla proprietà è un autentico rullo compressore. Se l’8-0 al Salto Cicolano è stato annullato dal ritiro della squadra reatina tutte le altre squadre che hanno avuto la sfortuna di incrociare i tiburtini in questo periodo sono stati seppelliti di gol. Cinque gol sono stati realizzati al Guidonia, quattro all’Atletico Zagarolo, quattro al Passo Corese e domenica scorsa appunto altri sei al Poggio Fidoni. Quattro vittorie consecutive che hanno portato la squadra del presidente Sabucci a soli due punti dal primo posto del Cantalice. I giochi per la promozione in Eccellenza sono stati ufficialmente riaperti e in casa Tivoli 1919 si pregusta già un girone di ritorno carico di emozioni. Domenica però c’è una trasferta da non sottovalutare. L’Accademia Calcio Roma è nella zona bassa della graduatoria ma attenzione ed il perché lo dichiara prontamente l’allenatore della formazione tiburtina Andrea Di Giovanni: “A fine novembre mi sembra che proprio l’Accademia Calcio Roma sia stata protagonista di una grande impresa, quella di rifilare ben cinque reti alla squadra che attualmente guida il campionato. Quindi attenzione perché snobbare l’avversario in questa fase del campionato è l’errore più grave che si possa commettere. Domenica massima concentrazione perché altrimenti si rischiano brutte figure”. Allertata giustamente la truppa il mister osserva i suoi in allenamento tirare a mille a l’ora denotando anche grande condizione atletica: “Abbiamo entusiasmo, ci crediamo. La squadra ha trovato un grande equilibrio in campo anche grazie agli innesti che la proprietà ci ha messo a disposizione”. Domenica i fratelli Di Giovanni, figli del mister, hanno fatto sfracelli. Tre reti le ha realizzate Luca e due Daniele: “Io parlerei invece di squadra – puntualizza il mister – nel calcio uno o due giocatori non potrebbero mai vincere da soli. La squadra è stata brava nel permettere loro di andare in gol”. Vincere a Roma e poi battere il Licenza nel turno seguente servirebbe a mettere pressione al Cantalice, al Fiano Romano, al Giardinetti, al Vicovaro e al Palestrina. I giochi sono riaperti e ogni domenica qui, in questo girone, è possibile un vero e proprio ribaltone.

di Sergio Toraldo