I Finanzieri di Tivoli scoprono un centro di stoccaggio della contraffazione ad Anagni

Sequestrate oltre 140mila paia di scarpe

21 / 01 / 2019

I finanzieri del gruppo Tivoli, nel corso di un pattugliamento nella zona industriale di Guidonia, hanno fermato e ispezionato un furgone condotto da un italiano, rinvenendo al suo interno numerose paia di scarpe di un marchio cinese dall’etichetta facilmente asportabile. I modelli richiamavano palesemente quelli del noto marchio “Nike”, nello specifico modello “Air Max”, facendo scattare così le indagini. La documentazione all’interno del furgone faceva risalire alla società proprietaria della merce con sede legale a Roma ma che in realtà gestiva un capannone in provincia di Frosinone, ad Anagni. Quando i finanzieri sono arrivati sul posto hanno trovato il capannone di circa 5mila mq, al suo interno vi erano almeno 140mila paia di scarpe realizzate con materiali di scarsa qualità ma che volevano emulare i noti modelli Nike. La merce, una volta immessa sul mercato illegale della contraffazione, avrebbe portato a un guadagno di circa 3milioni di euro. Il cittadino cinese, rappresentante legale della società e peraltro già noto alle forze dell’ordine per precedenti penali specifici, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Tivoli per i reati di contraffazione e ricettazione.
Ecco il video dell’operazione.