Angelo Pangrazi, il bomber da 30 e lode: “Fiano Romano stagione magica”

01 / 03 / 2019

Da quando è arrivato al Fiano Romano in Promozione nel mercato di dicembre 2018, anzi per lui si tratta di un ritorno visto che ci ha giocato anche lo scorso anno, l’andatura della squadra di Piercarlo Antoniutti ha subito un’accelerazione da record. Nelle undici gare di campionato nelle quali è stato schierato Angelo Pangrazi ( nella foto insieme al tecnico Antoniutti) il Fiano Romano ha conquistato nove vittorie, un pareggio e una sola sconfitta. Numeri che hanno proiettato il Fiano Romano nel Gotha della classifica, addirittura ad un solo punto dalla capolista Tivoli 1919 e mettendo otto punti di margine nei riguardi della terza classificata, il Giardinetti. Con Angelo Pangrazi il Fiano Romano ha ritrovato l’ariete che centralmente apre le difese avversarie e crea contestualmente spazi agli inserimenti di Pangallozzi, di Turchi, di Moretti, di Giannetti e dell’altro nuovo acquisto Sene Pape. Il Fiano Romano disegnato da Piercarlo Antoniutti è diventata una macchina perfetta, con difesa arcigna guidata dall’esperienza di Amoroso, dall’energia di Marcelli, dalla dinamicità di Mandolini, Bracalente e con un portiere, Matteo Baldoni, insuperabile e capace di parare i rigori calciati dagli avversari. E’ successo a Zagarolo a novembre ed è successo di nuovo domenica scorsa in casa contro il Settebagni. Poi a dettare assist c’è quel genio di Pato Patrick Giannetti e con lui tutto è più facile. Un vecchio detto dei saggi del calcio dice che se il portiere è forte, se la difesa è tosta e se l’attaccante segna la squadra vince.

E’ così Angelo Pangrazi, cannoniere da venti gol stagionali di cui già nove con il Fiano Romano da dicembre a oggi?
“I proverbi sbagliano poco ma il segreto di questa squadra e del suo felice momento è il gruppo. Mai come ora i destini delle squadre sono regolati dalla capacità dei singoli di integrarsi con il gioco dei compagni. Tutte le squadre oggi, anche quelle con valori tecnici individuali inferiori, sono molto organizzate tatticamente. Tutte le partite sono complicate e se vuoi vincere devi giocare di squadra”

Sì però da quando sei tornato al Fiano Romano non sbagli più un colpo, hai segnato contro il Poggio Fidoni, l’Accademia Calcio Roma, Licenza, Riano, Maglianese, Cantalice e Settebagni. Giusto?
“Effettivamente sto bene fisicamente ed il gioco della squadra esalta quelle che sono le mie caratteristiche per fare gol. Tra Vicovaro e Fiano Romano ho realizzato venti gol in campionato e uno in Coppa Italia. Non mi posso lamentare”.

Se continui di questo passo raggiungerai presto quota 30. Ce la farai?
“Ci provo anche perché la lode la vorrei raggiungere vincendo il campionato con il Fiano Romano, sarebbe il giusto coronamento di una stagione perfetta”.

Fiano Romano in serie si da cinque giornate, la vetta è distante solo un punto ma domenica vi aspetta una gara tosta. A Vicovaro che partita ti aspetti?
“Durissima perché loro sono bravi e in casa si esaltano. In casa hanno vinto cinque delle ultime sei gare pareggiando solo contro il S. Angelo Romano. Per noi del Fiano Romano sarà un test importante per verificare se veramente siamo da primo posto”.

Sulla tua agenda hai già segnato un appuntamento importante per il 7 aprile?
“Sono curioso di affrontare la Tivoli 1919 all’Olindo Galli. Loro sono fortissimi, domenica hanno perso ma si è trattato di un incidente di percorso. La squadra è fortissima ma noi abbiamo raggiunto livelli di gioco altissimi. Si, è una partita che aspetto con grande curiosità e non vediamo tutti l’ora di giocarla”.

di Sergio Toraldo