Guida pratica alla compilazione del 730

23 / 04 / 2019

È arrivato il momento di presentare la dichiarazione dei redditi:

ma chi è obbligato a presentarla? Chi invece può farne a meno? Ecco tutto quello che devi sapere.

Chi deve fare la dichiarazione

La dichiarazione dei redditi viene presentata se:
• le addizionali comunale e/o regionale non sono state trattenute o sono state trattenute in misura inferiore al dovuto dal sostituto d’imposta;
• sono stati percepiti solo redditi che derivano dalla locazione di fabbricati per i quali hai scelto di pagare la cedolare secca.
Il modello 730 oltre che a dichiarare le entrate al fisco rappresenta anche un’opportunità per recuperare parte delle spese sostenute durante l’anno.

Come presentare il 730

L’Agenzia delle entrate mette a disposizione  sul suo sito il modello 730 precompilato che si può consultare a partire dal 15 aprile di ogni anno. Dal 2 maggio può essere invece modificato e inviato on line. Ovviamente per accedere alla precompilata bisogna essere in possesso del PIN dell’Agenzia delle entrate, del PIN dell’INPS o di SPID.
La dichiarazione dei redditi può essere presentata:
entro il 23 luglio  all’Agenzia delle Entrate in via telematica, con il modello precompilato oppure a un Caf o a un professionista abilitato
• entro il 7 luglio al proprio sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico)
I Caf e i professionisti devono consegnare al contribuente una copia della dichiarazione elaborata e il prospetto di liquidazione 730-3, affinché il contribuente stesso possa verificarne il contenuto prima che venga trasmessa all’Agenzia delle Entrate. La consegna deve avvenire entro date differenti a seconda del giorno entro cui hai portato loro il 730:
• entro il 29 giugno se è presentato entro il 22 giugno;
• entro il 7 luglio se è presentato entro dal 23 al 30 giugno;
• entro il 23 luglio se è presentato dal 1° al 23 luglio.