Monterotondo, 18 maggio – Giorgio Cremaschi per il candidato a sindaco Stefano Cirone

15 / 05 / 2019

Giorgio Cremaschi sarà il prossimo 18 maggio a Monterotondo per il candidato sindaco Stefano Cirone di Potere al Popolo. L’appuntamento è in Largo Pincetto alle 19:30.

Cremaschi, portavoce nazionale di PaP, interverrà a sostegno della lista di Potere al Popolo! per le prossime elezioni amministrative.
“L’assemblea territoriale di Potere al Popolo Monterotondo nasce da un gruppo eterogeneo, compagni appartenenti a diversi movimenti e partiti di sinistra, persone che si erano allontanate o che si avvicinano per la prima volta alla politica attiva, che non si sentono rappresentate da questa classe politica e che hanno deciso di proporre un nuovo modello di partecipazione e nuove forme di lotta e di mutualismo. Sentiamo la necessità di presentare una lista di sinistra alle prossime elezioni amministrative, ci poniamo l’obiettivo di arginare il vuoto lasciato dal disinteresse della politica verso le esigenze delle classi popolari. Le politiche che vengono espresse dai tradizionali partiti del territorio non esprimono una progettualità corrispondente ai nostri valori, per questo abbiamo deciso di dire la nostra. Questa volta non stiamo a guardare, ora ci candidiamo noi! Ci presenteremo senza partecipare a coalizioni, candidando a sindaco Stefano Cirone. Come detto in precedenza il nostro obiettivo è quello di avvicinare le persone alla vita politica tramite la partecipazione; per farlo ci siamo basati su quanto appreso dai passati progetti fallimentari della sinistra, per questo abbiamo deciso di rimettere al centro esempi concreti di mutualismo, che avranno luogo nella “Casa del Popolo-Scalo”, e di basare il discorso politico, anche a livello cittadino, sui programmi e le proposte”.

E ancora:

“Come detto in precedenza il nostro obiettivo è quello di avvicinare le persone alla vita politica tramite la partecipazione; per farlo ci siamo basati su quanto appreso dai passati progetti fallimentari della sinistra, per questo abbiamo deciso di rimettere al centro esempi concreti di mutualismo, che avranno luogo nella “Casa del Popolo-Scalo”, e di basare il discorso politico, anche a livello cittadino, sui programmi e le proposte.
Di seguito trovate una sintesi del nostro programma (che potete trovare integralmente sulle nostre pagine Facebook, Twitter e Instagram) con il quale desideriamo dare una risposta alle esigenze de* cittadin*.
La sicurezza sociale si fa con i diritti
– Destinare una struttura per accogliere persone senza fissa dimora
– Attivare un programma stabile di lavori socialmente utili: il reddito si fa con il lavoro

– Istituire una residenza fittizia per garantire cittadinanza e diritti a tutti
– Non applicare il Decreto sicurezza
– Beni comuni e democrazia partecipata
– Pubblicizzazione dell’acqua come chiesto dai cittadini col Referendum del 2011
– Aprire Case di Quartiere, gestite da cittadini e associazioni che vivono il territorio
– Attivare progetti di smart working
– Recupero dei beni pubblici tra cui quelli confiscati alle mafie
– Istituzione nell’Amministrazione locale un’Equipe per l’accesso ai Fondi europei

Arte e Cultura
– Istituire nell’Assessorato competente una delega alla Bellezza e alla Felicità
– Favorire la produzione e il godimento di attività ed eventi artistici e culturali
– Aprire un’altra sede della Biblioteca comunale nelle adiacenze del Museo Storico
– Istituire un ente di Formazione continua per adulti
– Aprire un Liceo con indirizzo musicale nel quartiere Scalo
– Viabilità e Trasporti
– Promuovere il trasporto intermodale e collettivo e potenziare il trasporto pubblico
– Favorire modalità di spostamento non inquinanti come il “Bike to work”
– Realizzare camminamenti tra il centro della città e i quartieri sulla Salaria
– Concertare con i Comuni vicini azioni di contrasto all’inquinamento e al traffico veicolare
Natura e Ambiente
– Moratoria sul consumo di suolo; riqualificazione aree cementificate con ripristino del verde autoctono; opere di contrasto al dissesto idro-geologico
– Favorire il recupero degli immobili in zona industriale e progetti di co-working
– Rendere il rifiuto una risorsa: attivare microreti per il riuso di materie prime-seconde
– Promuovere campagne di educazione ambientale
– Istituire la figura dell’Energy Manager presso la pubblica amministrazione
– Aprire un canile e gattile a gestione pubblica ed attuare la delibera sui circhi con animali
Sanità e Servizi sociali
– Rendere i servizi sociali e di cura una voce di bilancio primaria
– Potenziare il Consultorio con funzione di presidio socio-sanitario e lo Sportello antiviolenza; attivare corsi di educazione sentimentale e sessuale
– Aprire Primo soccorso in zona Salaria; potenziare il Pronto soccorso esistente
– Adottare significative misure di contrasto a tutte le forme di dipendenza legate alle povertà con campagne permanenti di educazione e prevenzione