Tivoli 1919 – Mister Di Giovanni: “Per restare ho rifiutato due offerte in Eccellenza”

21 / 05 / 2019

Il tecnico Andrea Di Giovanni è stato senza dubbio uno degli artefici della storica promozione nel campionato di Eccellenza del Tivoli Calcio. La formazione locale, durante la stagione, ha espresso un calcio brillante, giocando palla a terra e riuscendo con successo a mettere in pratica durante i match di campionato il lavoro svolto nel corso della settimana. Per la prossima stagione in panchina non dovrebbero esserci sorprese dato che “ormai siamo vicini alla riconferma – ha dichiarato Mister Di Giovanni- manca solo l’ufficialità ed io per la grande voglia di restare a Tivoli ho rifiutato due offerte da club impegnate nel campionato di Eccellenza. Questa società ha blasone, storia e dei tifosi davvero molto appassionati. La nostra è stata una stagione straordinaria e la svolta credo sia arrivata contro la Vicovaro, quando i ragazzi hanno espresso un calcio di grande qualità. Da dicembre siamo riusciti a giocare con maggiore equilibrio, ciò è avvenuto in maniera naturale senza alcun cambio di schema oppure di mentalità. Ovviamente, senza giocatori validi non possono certo raggiungere obiettivi importanti e neppure senza un presidente come il nostro si possono tagliare traguardi storici”. “Quando ottieni risultati prestigiosi- ha concluso il tecnico tiburtino- anche se non è la prima volta che sali di categoria, è sempre una straordinaria emozione”.

TIVOLI CALCIO 1919 – IL SEGRETO DEL SUCCESSO

Quando si ottiene uno score finale di prestigio dietro solitamente si cela un “segreto” e questo naturalmente vale anche nel mondo dello sport. Così, siamo andati ad analizzare i numeri che hanno permesso al Tivoli di conquistare nell’anno del centenario la storica promozione nel campionato di Eccellenza. Il segreto del successo per il team guidato da Mister Andrea Di Giovanni è stato senza dubbio l’attacco. Infatti, i tiburtini hanno segnato ben venti reti in più rispetto alla concorrenza e questo incredibile primato ha permesso loro di chiudere la stagione con ben ventidue partite vinte sulle trentadue giocate. Sono state novantanove le reti realizzate dai tiburtini, una cifra davvero considerevole soprattutto rapportata ad un campionato lungo e competitivo come quello di Promozione. Il gran quantitativo di reti, che sfiora la tripla cifra, è frutto di un gioco propositivo con palla a terra e sempre diretto vero la porta avversaria. E’ evidente che rispetto ad altri campionati la categoria nella quale ha finora militato il Tivoli, in questa stagione, ha premiato la formazione capace di esprimere un gioco votato all’attacco. Alla Palestrina aver subito diverse reti in meno rispetto all’undici di mister Di Giovanni non è servito per salire direttamente in Eccellenza. Adesso con il mercato in prossimità toccherà alla società del presidente Caucci continuare a rendere competitiva una formazione, che per sua natura è decisamente votata all’attacco.

Fernando Giacomo Isabella