Guidonia, Pip – Ammaturo: “I rom assediano la zona industriale”

Giovanna Ammaturo, consigliere di Fratelli d’Italia al comune di Guidonia Montecelio, torna sulla questione dell’occupazione territoriale abusiva e spiega: “Da due anni monitoriamo il campo abusivo rom insiedato nell’area industriale Pip a ridosso della Tiburtina tra l’Albuccione e Setteville. Dopo due anni stiamo ancora così, anzi peggio. Se le roulotte e caravan erano una decina oggi sono oltre 150. Se prima i cumuli di immondizia gettati alla rinfusa erano tanti oggi l’area è totalmente da bonificare. È inqualificabile che centinaia di persone utilizzino i terreni come vespasiani a cielo aperto. Nel frattempo le betoniere usate per erigere nuovi capannoni debbono fare zig zag tra bucato steso e bimbi che giocano a palla. Opifici che dovrebbero essere molto cari all’assessore per specifica delega in quanto da lì si ridistribuisce la ricchezza per chi ha la fortuna di lavorare oltre le capacità manageriali e professionali dei dipendenti stanno lontano anni luce da Russo. Terreni intersecati da strade appena bitumate dove si affacciano aziende che vengono visitate da delegazioni commerciali di tutti i Paesi in considerazione delle potenzialità. Al M5S sta bene che industrie, capacità di marketing e rom coesistano. A me, quanto alla totalità delle aziende che sono sotto scacco, o definirei un paradosso. Finalmente anche altri consiglieri d’opposizione sebbene radicati su posizioni meno decisioniste iniziano adesso a comprendere il danno sociale economico e d’immagine che crea questa coabitazione. Esistono interrogazioni fatte al sindaco Barbet da settembre 2017 nel merito in cui si richiamava anche l’inadempienza dello Statuto e degli obblighi del primo cittadino nei confronti della Comunità che deve essere assicurata ed in cui si deve promuovere lo sviluppo sociale ed economico. Ma con il signor Barbet come ha sottoscritto che per diventare sindaco ha speso duecento euro e poi paga 54.000 euro per il comunicatore e 12.000 euro per il portavoce, con le casse del Comune, c’è solo imbarazzo. Anche a suggerirgli, come abbiamo fatto, di rivolgersi al Comitato Provinciale per l’ordine e la pubblica sicurezza evitando che il vice sindaco faccia selfie ingannatori e riferisca di andare dal Prefetto simulando gioiosamente l’ennesima vana promessa grillina. È urgente intervenire perché gli stanziamenti abusivi sono vietati dalle leggi e per controllare chi e perché ha scelto questa zona a ridosso di centinaia di aziende manifatturiere e di stoccaggio di merci di vario genere con le naturali apprensioni degli imprenditori e dei 2.500 dipendenti. Il controllo del territorio rientra tra i compiti dell’Amministrazione Barbet il cui fine è anche di garantire la sicurezza alla Comunità. Anche per verificare se usufruiscono del reddito di cittadinanza”.