Condizionatore: i 10 errori da non fare

17 / 07 / 2019

Il caldo in questi giorni si è fatto sentire e l’umidità alle stelle: cosa fare? Il climatizzatore  sembra l’unica via di salvezza ma siamo sicuri di usarlo al meglio? Ecco 10 errori comuni da evitare: 

1)  Usare un condizionatore dalle dimensioni sbagliate

La classificazione dei condizionatori viene effettuata in BTU in una gamma che va da 5000 a 15000.

Solitamente per avere una giusta copertura in casa bisognerebbe calcolare circa 200 BTU per ogni metro quadro + 600 BTU per ogni persona che occupa la stanza. Alla cifra risultante si dovrebbe aggiungere un ulteriore 10% se nella stanza c’è il soffitto alto, se è esposta a sud etc.

2) Tenere aperte porte e finestre

Il condiziotaore estrae l’aria calda dalla stanza la refrigera e assorbe il calore dall’aria stessa. L’aria fresca viene gettata dentro la stanza, mentre il calore assorbito viene espulso dal motore che solitamente abbiamo montato fuori casa.  Se le finestre o le porte sono aperte, il calore che viene espulso tenderà a tornare dentro.

3)  Impostare una temperatura troppo bassa

Inserire una temperatura troppo bassa non cambia la situazione, il condizionatore non lavora più in fretta anzi impostare una temperatura molto bassa potrebbe risultare addirittura inutile. La macchina “pompa” fuori sempre la stessa quantità di aria fresca.

4) Lasciare le porte aperte

Per massimizzare l’efficienza tenete chiuse le porte in tutte le stanze in cui sia presente un condizionatore. Ciò limiterà a quella stanza la quantità d’aria che dev’essere rinfrescata, e ne velocizzerà il processo.

5) Non far circolare l’aria con una ventola

Molti non sanno che utilizzare un ventilatore insieme al condizionatore( soprattutto quelli da soffitto) potrebbe aumentare l’efficienza del macchinario.

6) Non pulire i filtri

La pulizia dei filtri è fondamentale, perché è proprio li che si vanno a depositare tutte le particelle di polvere. Tali residui fanno male alla salute e allo stesso tempo riducono il flusso dell’aria facendo anche più energia.

Se utilizzato tutti i giorni, è opportuno pulire il filtro una volta al mese. Se lo usate di meno, una volta ogni tre mesi.

7) Non pulire il condizionatore tra una stagione e l’altra

È di fondamentale importanza far pulire il condizionatore ad ogni inizio stagione. Il costante passaggio da caldo a freddo provoca condensa che se non viene scaricata del tutto potrebbe accumularsi causando un accumulo di batteri e muffe.

8) Non eseguire la manutenzione

Una manutenzione periodica estende la vita dell’apparecchio e lo mantiene in piena efficienza e con consumi energetici ottimali.

9) Ignorare le fonti di calore

Mantenere la stanza isolata da possibili fonti di calore  rende più facile il lavoro dell’apparecchio:  sarebbe utile sostituite i vecchi infissi in caso non possiate cambiare gli infissi cercate di sigillare eventuali punti in cui possono esserci spifferi; coprite le finestre con tende spesse e tenetele chiuse anche abbassando le serrande. Spegnere anche apparecchi come computer ecc. che disperdono calore nella stanza.

10) Aspettarsi troppo dal condizionatore…

Anche se seguiamo tutte le regole ricordiamoci che il climatizzatore può abbassare la temperatura di massimo circa 9 gradi rispetto alla all’esterno. Non aspettiamoci miracoli se fuori fa caldissimo.