Ex Santo Spirito, in 59 condannati a restituire i terreni all’Asl

31 / 07 / 2019

Si erano rivolti al Tribunale nella speranza che gli riconoscesse il diritto a diventare proprietari per usucapione, invece sono stati tutti condannati  a restituire i terreni alla Asl Rm 5. E’ in sintesi l’esito della sentenza emessa dal giudice del Tribunale civile di Tivoli Francesco Lupia nei confronti di 59 soci di tre delle quattro cooperative alle quali nel Dopoguerra furono assegnati i terreni agricoli dell’ex Pio Istituto Santo Spirito tra Tivoli e Guidonia Montecelio, oggi proprietà della Asl Roma 5. Si tratta di un verdetto di primo grado storico perché per la prima volta si stabilisce non soltanto l’impossibilità di usucapire un bene pubblico ma soprattutto l’obbligo per i ricorrenti di lasciare i terreni occupati sui quali da decenni hanno costruito le rispettive abitazioni.

Sul numero di Tiburno in edicola da martedì 30 luglio l’approfondimento completo