Monterotondo, tre arresti e sanzioni dei carabinieri

19 / 10 / 2019

Monterotondo – Nel corso delle attività di controllo del territorio svolto negli ultimi giorni, i Carabinieri della Compagnia di Monterotondo hanno tratto in arresto 3 persone ed elevato sanzioni amministrative a un esercizio commerciale.

A Fonte Nuova i Carabinieri della Sezione Operativa hanno tratto in arresto un 36enne del posto, il quale è stato sorpreso, in via XXIV maggio, a cedere una dose di cocaina a un 43enne del posto, poi segnalato alla Prefettura di Roma, in cambio di 30 euro. Il GIP del Tribunale di Tivoli ha convalidato l’arresto e applicato al soggetto la misura cautelare dell’obbligo di dimora con divieto di uscire dalla propria abitazione nelle ore notturne.

A Palombara Sabina, i Carabinieri del locale Stazione, coadiuvati da quelli della Sezione Operativa, hanno tratto in arresto un 24enne del posto, che, a seguito di perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di 150 grammi di marijuana di 7 tipi diversi occultati dentro altrettanti barattoli. Presso l’abitazione, inoltre, è stata scoperta e sequestrata una piccola serra, munita di una lampada per la coltivazione e altro materiale utilizzato per la coltivazione delle piante di marijuana. L’arrestato è tuttora sottoposto al rito direttissimo presso il Tribunale Tivoli.

A Capena, i Carabinieri della locale Stazione hanno eseguito un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Tivoli nei confronti di un 48enne del posto, poiché gli stessi carabinieri di Capena hanno accertato che l’uomo, da giugno a settembre di quest’anno, ha maltrattato la propria compagna 44enne, mediante atti di sopraffazione, violenza fisica e morale. L’arrestato è stato tradotto presso il carcere di Rebibbia. L’intervento dei Carabinieri si innesta in un più ampio progetto di tutela delle vittime vulnerabili coordinato dalla Procura della Repubblica di Tivoli, ove opera da tempo un pool di magistrati specializzati nei reati di violenza di genere.

A Montelibretti, infine, i carabinieri della locale Stazione, in collaborazione con personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro di Roma e del Nucleo Anti Sofisticazione di Roma, hanno effettuato un accesso ispettivo presso un bar pasticceria di via Luigi Sturzo, contestando alla titolare dell’attività sanzioni amministrative per la mancata attuazione piano autocontrollo hccp, per lo smaltimento di alimenti privi delle indicazioni di legge sulla tracciabilità, per un totale di 3500 euro. Il titolare è stato altresì segnalato all’autorità sanitaria competente per gravi carenze igienico sanitarie e per aver adibito illecitamente un locale a deposito di vivande. Sempre a Montelibretti, gli stessi reparti Speciali dell’Arma hanno ispezionato altre due attività commerciali: un’azienda agricola, per la quale è in fase di accertamento la regolarità dell’utilizzo del sistema di  videosorveglianza, ed una pizzeria, il cui titolare dovrà esibire la documentazione sanitaria e planimetrica della struttura.