Il poeta Pasquale Panella presenta “Assolo per naso” con il filosofo Lucio Saviani

10 / 12 / 2019

NASO  o delle cattive letture, delle scritture impure di Pasquale Panella, introduzione Lucio Saviani; il quarto e ultimo incontro della rassegna IL CORPO DELLE IDEE al BookStore del PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI di Roma, in abbinamento con la mostra Sublimi Anatomie in corso nello stesso periodo.

Protagonisti degli incontri sono gli OGGETTI DEL DESIDERIO – la collana di saggi curata dal filosofo Lucio Saviani, professore di Filosofia al Liceo Catullo di Monterotondo.

 

IL LIBRO

Il naso è il senso e l’organo del nostro corpo più letterario, è disparo, non simmetrico, “si sdegna o si appassiona, oppure tutt’e due”, scrive Pasquale Panella. Panella- con spirito di scoperta poetica ma anche “sensuale” – ricostruisce con impareggiabile abilità e profondità la “personalità” del nostro.

Lucio Saviani lo aiuta con un saggio introduttivo che “fissa i paletti” filosofici e culturali.
NASO fa parte della collana OGGETTI DEL DESIDERIO, curata da Lucio Saviani , con PELI di Francesco Forlani, MANI dello stesso Saviani, PIEDI di Laura De Luca,
OCCHIO di Gino Ventriglia, ORECCHIO di Gigi Spina, BOCCA di Aldo Meccariello.
NASO è stato candidato al Premio Strega 2019, presentato dal linguista Prof. Giuseppe Antonelli al vaglio degli Amici della Domenica.

ROMA, MERCOLEDI' 11 DICEMBRE: PASQUALE PANELLA PRESENTA CON LUCIO SAVIANI "ASSOLO PER NASO"/ PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI, ORE 18.30

www.fefeeditore.com

PASQUALE PANELLA
NASO

Prefazione di LUCIO SAVIANI

Fefè Editore
Pagine 144 / prezzo 12,00 euro

«Il naso è il senso e l’organo del nostro corpo più letterario: è disparo, non simmetrico». E’ unico. Con spirito poetico Pasquale Panella, scrittore e autore degli ultimi testi di Lucio Battisti, ricostruisce in Naso (appunto) con abilità e profondità la “personalità” del nostro naso. Saggio introduttivo del filosofo Lucio Saviani. Edito da Fefè Editore.

Naso è è un pezzo teatrale, un racconto poetico che inneggia alla vita e all’amore. È un dialogo filosofico e spirituale tra Naso e Nasìce come solo Pasquale Panella, famoso giocoliere di parole, sa fare. Il testo è allegorico, poiché il protagonista non è solo un naso. È ognuno di noi. Scrive Saviani nell’introduzione: «Naso è chi nella parola “baraonda”, nel rumore confuso dei molti che parlano insieme, riesce a sentire l’antica voce Baruch-Adonai, ossia: Benedetto il Signore». È sul naso, o sull’unicità che simboleggia, che si regge il mondo, come scriveva Goethe: «Poiché è sul naso che sembra riposare tutta la forza della cupola della fronte, che sennò precipiterebbe miseramente sulla bocca e sulle guance».

 

PASQUALE PANELLA romano, è poeta, scrittore, performer e paroliere tra i più noti. Lunghissimo e felice il suo sodalizio artistico con Lucio Battisti, di cui scrisse i testi di alcune delle canzoni più note. Più recentemente è sua la versione italiana di Notre Dame de Paris e di Giulietta e Romeo di Riccardo Cocciante. Ha collaborato con Zucchero, Mina, Branduardi, Mango.  Ha pubblicato con Minimum fax.

LUCIO SAVIANI vive e lavora a Roma. Filosofo e scrittore, è uno degli esponenti di maggior rilievo dell’ermeneutica in Italia, numerosi i suoi libri tradotti in Europa e in America. Scrive per Moretti&Vitali e per Fefè Editore. Socio fondatore della Società Filosofica Europea di Ricerca e Alti Studi e della Scuola Superiore Internazionale di Studi Filosofici.