Coronavirus, si ferma anche lo sport: sospesi tutti i campionati

Con un comunicato del Coni e poi della Lega Nazionale Dilettanti, sono state sospese tutte le attività sportive di ogni ordine e grado

10 / 03 / 2020

di Valerio De Benedetti

Emergenza totale. L’Italia vive il momento di allerta peggiore da quando è scoppiata l’emergenza Coronavirus. Al grido di “Restate a casa”, tutta la penisola è stata dichiarata zona rossa. Anche lo sport, che sembrava poter essere immune dai provvedimenti del governo, si fermerà per un lungo periodo. Non solo quello professionistico, che aveva provato ad andare avanti disputando gli eventi a porte chiuse, ma anche quello dilettantistico, che vede tante società del Nord-Est impegnate. A renderlo noto è stato il Coni nella giornata di ieri, con la decisione unanime di stoppare tutte le attività sportive fino al 3 aprile. Anche gli allenamenti (per i dilettanti) sono sospesi, rimarranno chiuse anche le palestre, luoghi di aggregazione e di contatto continuo.

A questo ha fatto seguito anche il comunicato della Lega Nazionale Dilettanti, che ha deliberato di sospendere, con effetto immediato e sino a tutto il 3 Aprile 2020, l’attività organizzata dalla Lega Nazionale Dilettanti sia a livello nazionale che territoriale. Inoltre, ha autorizzato sin da ora il Presidente della L.N.D. ad adottare eventuali provvedimenti che si rendessero necessari all’esito di eventuali ulteriori indicazioni provenienti dalle Autorità sanitarie e, comunque, contenute in successivi provvedimenti legislativi”.