GUIDONIA – Rifiuti, vietato vendere e usare sacchi neri

Due ordinanze del sindaco Barbet bloccano il commercio e l’utilizzo a partire dal 31 marzo. Venti giorni di tempo per mettersi in regola: a chi “sgarra” multe da 25 a 500 euro

12 / 03 / 2020

Niente più sacchi neri a Guidonia Montecelio: gli esercizi commerciali che non rispettano la regola subiranno multe dai 25 ai 500 euro e lo stesso vale per i condomini e le aziende.
Sono le conseguenze per chi viola i due provvedimenti in materia di conferimento rifiuti firmati ieri, mercoledì 11 marzo, dal sindaco Michel Barbet. Il primo provvedimento è l’ordinanza numero 106 e riguarda tutte le utenze, sia commerciali che domestiche e non, per le quali dal 31 marzo è vietato depositare qualsiasi tipo di rifiuto in sacchi neri o comunque non trasparenti tali da non consentire la verifica della tipologia di rifiuti conferiti.
Il provvedimento scaturisce dalla fase di criticità connessa alla riduzione della disponibilità da parte degli impianti utilizzati per il trattamento e smaltimento dei rifiuti indifferenziati e organico. Una criticità aggravata da fenomeni di abbandono e soprattutto dal conferimento irregolare delle utenze che pregiudicano così la qualità del frazionato RSU.
Secondo l’ordinanza l’utilizzo dei sacchi neri o non trasparenti non facilita i controlli tesi a verificare se i rifiuti conferiti sono conformi alle disposizioni disciplinante dalle norme sulla raccolta differenziata, e inoltre comporta gravi anomalie e disfunzioni agli impianti di trattamento dei rifiuti.
Il secondo provvedimento è l’ordinanza numero 107 e vieta la vendita dei sacchi neri o non trasparenti poiché non rispondono ai dettati della vigente normativa e delle norme tecniche nazionali ed europee, in quanto non biodegradabili né, tantomeno, compostabili.