Tivoli – Riapertura dei mercati per i ” banchi di generi alimentari”, il sindaco risponde

17 / 03 / 2020

Il Sindaco Giuseppe Proietti:

Si fa presente, al riguardo, che:

  1. Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’11 marzo 2020 (successivo, perciò, all’Ordinanza del 10 marzo 2020 con la quale il Sindaco di Tivoli aveva ordinato la chiusura di tutti i mercati settimanali) stabilisce che “Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari … Deve essere in ogni caso garantita la distanza interpersonale di un metro”. L’Ordinanza del 16 marzo 2020 con la quale il Sindaco di Tivoli revoca la sospensione dei mercati settimanali per i soli generi alimentari è, perciò, una misura di dovuto adeguamento alle prescrizioni governative.

  2. Si aggiunge che la vendita di soli generi alimentari nei mercati settimanali offre, una volta a settimana, anche agli abitanti di Tivoli Terme e di Villa Adriana la possibilità, che gli abitanti di Tivoli Centro hanno sempre mantenuto ogni giorno con il mercato ortofrutticolo di Piazza Plebiscito, di acquistare i generi alimentari indispensabili per sopravvivere senza dover necessariamente affollare o creare code davanti a supermercati e negozi (così come raccomandato nell’appello lanciato dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile), limitando così le eventualità di contagio da coronavirus.

  3. Si aggiunge infine che i banchi aperti oggi, martedì 17 marzo, nel mercato di Tivoli Terme, erano due, così come era previsto dai Rappresentanti sindacali dei venditori, insieme alla garanzia di distanza tra i banchi e tra le persone.

 

In relazione alla possibilità dello svolgimento delle attività di vendita di soli generi alimentari prevista per il mercato settimanale di mercoledì 18 marzo nell’area del Lunganiene Impastato, si comunica che i banchi di vendita potranno essere posizionati, a distanza di sicurezza, soltanto nello spazio di fondo accessibile pedonalmente dalla rampa di discesa da Via Acquaregna.

Tutto il resto dell’area sarà utilizzato, come sempre, per il parcheggio a servizio dell’Ospedale, delle Ferrovie e della Cittadinanza, con accesso e risalita da Via Roma.