CORONAVIRUS: Ieri sera 49 pazienti trasferiti da Nerola al Nomentana Hospital

26 / 03 / 2020

Il Nomentana Hospital diventa un centro regionale per Covid 19 a bassa intensità. Ieri, mercoledì 25 marzo, intorno all’ora di cena, quarantanove pazienti provenienti dalla Casa di Riposo di Nerola dove si sono registrati 72 contagi e due morti, sono stati trasferiti presso la Casa di Cura di Fonte Nuova. A darne conferma, il sindaco di Fonte Nuova Piero Presutti che stanotte ha diramato un comunicato per mettere al corrente la cittadinanza di un reparto dedicato nella struttura di Tor Lupara.

 

 

IL SINDACO PRESUTTI: “DECISO IN AUTONOMIA DA ASL E REGIONE”

“Tale decisione – spiega il primo cittadino – rientra nella piena autonomia decisionale di cui gode la Asl e la Regione Lazio nella gestione dell’emergenza Covid 19. Tuttavia attraverso ripetuti colloqui intercorsi con il suo direttore generale, la Asl Roma 5 ha fornito le più ampie rassicurazioni sul totale rispetto dell’isolamento a cui verrà sottoposto il reparto destinato e la rigida osservanza di tutti i protocolli di sicurezza previsti, sia per i pazienti del Nomentana Hospital che per gli operatori sanitari. Il trasferimento è avvenuto nella massima sicurezza ed effettuato con mezzi Ares 118 in bio contenimento. Della cosa è stata prontamente messa a conoscenza la stazione dei carabinieri di Mentana e il Prefetto di Roma. Le operazioni di trafSerimento sul nostro territorio sono state attenzionate dal nostro Corpo di Polizia Municipale il quale mi riferisce che si sono svolte in assenza di criticità”.

NEROLA, ZONA ROSSA DOPO I 72 CONTAGI NELLA CASA DI RIPOSO

I 49 pazienti del Nomenana Hospital provengono dalla casa di riposo Santissima Maria Immacolata di Nerola, dove su 40 operatori sanitari 16 sono risultati positivi al test e delle 63 persone, presenti all’interno della struttura. Per questo motivo da ieri il paese è stato dichiarato “zona rossa” e ci sono carabinieri ed Esercito a impedire le entrate e le uscite delle persone,

AL NOMENTANA HOSPITAL 22 CASI INTERNI

Domenica scorsa sono emersi 22 casi di positività al Nomentana Hospital: 18 pazienti e 4 dipendenti della struttura. Per questo motivo è stato attivato l’isolamento e la sorveglianza del personale. Questo aveva comunicato la Regione Lazio.

Dal giorno dopo non sono mancate le polemiche, con una nota della Regione Lazio che ha dichiarato di aver segnalato alle autorità l’abbandono della struttura da parte di tre operatori. Secondo il comune di Fonte Nuova, invece, è stata solo seguita la prassi.

Pazienti Covid al Nomentana Hospital. Antonio Di Pietro: “Chiedo il commissariamento del Comune di Fonte Nuova”

Micol Grasselli: “Il Nomentana Hospital non è attrezzato per il Covid 19”