“Sognando la California” – L’intervista alla fotomodella Siriana Cutolo

Siriana ha realizzato il sogno di diventare una fotomodella. Ora è pronta a lasciare tutto e trasferirsi negli USA per vivere della propria passione. La sua storia di coraggio e determinazione.

25 / 05 / 2020

Siriana Lucrezia Cutolo, 25 anni vive a Roma (per un periodo ha vissuto a Setteville), ma è originaria della Toscana. Si è laureata da poco in “Scienze della Moda e del Costume” a La Sapienza. Siriana ama viaggiare. Ho il papà a Napoli e la mamma in Toscana. Ama molto stare in compagnia dei suoi amici, spesso si incontra con le sue amiche, passa le serate nei pub della capitale.

 

di Lucrezia Roviello

Siriana si definisce una “sognatrice”, le piace parlare con chi le scatta le foto perché da lì può emergere al meglio l’immagine di se stessa. Ma attenzione: la “Bellezza”, ci dice, non è solo quella fisica ed evidente fotografata con una location mozzafiato come sfondo, ma risiede in ognuno di noi. Siriana ama il suo mestiere, il mondo della moda e delle modelle: da loro ha imparato che ognuno di noi può trasmettere re ciò che ha dentro. Come molte persone in questo periodo, sogna un mondo che possa tornare presto alla normalità, perché a lei la sua manca molto.

 

Da quanto tempo fai la modella?

Ho iniziato quando ero piccola, ma era più per gioco. Posavo per negozi locali, per paesi e quando sono arrivata a Roma ho iniziato a fare degli shooting ed è diventata tutta una questione più seria e professionale.

Cosa ti piace del lavoro che fai?

Mi piace tutto, è il mio sogno sin da piccola. Sono sempre stata attratta dalle sfilate di moda e tutto quello che ruota attorno a questo mondo. È come un modo di vivere che mi attrae. Quello che mi piace e mi incuriosisce è che, facendo la fotomodella, grazie alla fotografia riesco ad esprimere la mia personalità che è molto particolare.

 

L’articolo prosegue su Tiburno in edicola dal 26 maggio