L’Italia? Bocciata sul digitale

Sui 28 paesi dell’Unione Europea, il nostro paese arriva solo al 25° posto per la digitalizzazione

12 / 06 / 2020

L’Italia è clamorosamente bocciata sul digitale. Siamo arrivati al 25° posto sulla particolare classifica che riguarda i 28 paesi dell’Unione Europea, in base al Desi 2020 (dati 2019), l’indice di digitalizzazione dell’economia e della società con cui la Commissione Europea monitora il progresso digitale degli stati membri dal 2014. Peggio di noi, dice il rapporto, fanno solo Romania, Grecia e Bulgaria. Ma non basta: noi italiani siamo all’ultimo posto per quanto riguarda il livello di conoscenza digitale.

Per Cesare Avenia, presidente di Confindustria Digitale, si tratta di un “disastro annunciato e i nostri allarmi sono rimasti inascoltati, nonostante esattamente un anno fa avessimo presentato un Piano straordinario per accelerare la trasformazione digitale del Paese attraverso misure strutturali atte a colmare il ritardo tecnologico e di competenze”. Ora che dopo il download siamo diventati (o speriamo di esserlo) digitali, le idee e i progetti sono tanti, da realizzare al più presto. Ne va la nostra capacità di crescita e la possibilità di attrarre investimenti.