TIVOLI - Guerra dell’acqua, “Bambù” ricorre contro lo stop alla balneazione

Parla l’avvocato Vittorio Messa, legale dell’unica associazione culturale delle 4 autorizzata all'utilizzo della risorsa idrica per effettuare "deambulazione con abluzione.

23 / 07 / 2020

“Rispetto la sentenza, ma non mi trova d’accordo. Per questo ricorreremo in Appello”. L’avvocato Vittorio Messa è il legale dell’associazione culturale “Bambù”, il primo stabilimento aperto in via Primo Brega fondato nel 1997 da Franco Romanzi detto “L’Americano” e oggi gestito dal figlio Simone, l’unico dei 4 autorizzato dalla Regione Lazio all’utilizzo dell’acqua per “fini igienici ed assimilati”, un’autorizzazione per effettuare “deambulazione con abluzione lungo gli invasi naturali” in cui scorre “acqua sorgiva corrente” derivante da polle d’acqua sgorganti spontaneamente dal terreno.

 

Non c’è concorrenza – spiega l’avvocato Messa – Il Comune di Tivoli si attivi a trovare una soluzione che scontenti il meno possibile tutte le parti in gioco.