Ecobonus auto: ma come funziona?

Fino al prossimo 31 dicembre è possibile prenotarlo per l’acquisto di una vettura a basse emissioni

03 / 08 / 2020

Cos’è?

Dal primo agosto via libera all’ecobonus auto: fino al 31 dicembre 2020 sarà possibile prenotare sul sito del mise, ministero dello sviluppo economico, all’indirizzo ecobonus.mise.gov.it, l’incentivo per l’acquisto di veicoli a basse emissioni di categoria M1, con le novità introdotte nel Decreto Rilancio.

Per l’incentivo sono messi a disposizione altri 50 milioni di euro, che si aggiungono ai fondi già stanziati, pari a 100 milioni di euro per l’anno in corso e 200 milioni per il 2021. Il contributo potrà arrivare fino a 8mila euro per chi compra con rottamazione, fino a 5mila euro senza. All’ecobonus i concessionari potranno aggiungere poi anche sconti fino a 2mila euro.

Oltre ai veicoli di tipologia M1, saranno interessati dalle agevolazioni pure quelli della fascia Euro 6 (dalle emissioni di C0₂ 61/110 g/km), con prezzo di listino non superiore ai 40 mila euro.

Attenzione però. Al momento la richiesta, pardon, la prenotazione non è riservata a noi comuni mortali. In questa prima fase di apertura dello sportello l’iniziativa è dedicata esclusivamente alla registrazione dei concessionari, che possono iscriversi e caricare i propri dati identificativi. Ci sarà poi, in seguito ad apposita comunicazione, una seconda fase attraverso la quale si potrà inserire l’ordine e prenotare l’incentivo.

Poiché però le risorse messe a disposizione dal governo non sono infinite, occhio a un apposito contatore che sulla piattaforma del Mise permetterà di capire la residua disponibilità finanziaria