Ufficio postale di Castel Madama, dal Comune i locali per una sede provvisoria

15 / 09 / 2020

A Castel Madama l’Amministrazione comunale ha offerto alle Poste dei locali per aprire un ufficio provvisorio. Dopo il furto al bancomat del 30 giugno, con un ordigno che ha causato ingenti danni alla sede, le Poste hanno attivato un presidio mobile con un furgone.

Ora, però, per limitare i disagi dei cittadini castellani il Comune ha intrapreso una nuova iniziativa: “Offriamo i locali comunali di via Roma – spiega il sindaco Domenico Pascucci – in modo da poter migliorare il servizio e le condizioni lavorative del personale. L’ufficio postale mobile ha un unico sportello che, però, non riesce a rispondere alle numerose esigenze dei cittadini. Lunghe file sotto il sole, un unico operatore. Disagi per i cittadini e rischi continui anche a causa dell’emergenza Covid-19. Con l’arrivo dell’inverno la situazione peggiorerà ulteriormente”.

Dopo una prima lettera a fine luglio inviata alle Poste Italiane dal Primo Cittadino, in cui si chiedeva di valutare la possibilità di implementare il servizio prolungando l’orario di lavoro anche nelle ore pomeridiane, nulla è cambiato. Quindi, cercando una nuova soluzione, è arrivata questa proposta: “Il Comune di Castel Madama con effetto immediato mette a disposizione i propri locali, in modo – si legge nella nota inoltrata dal sindaco a Poste Italiane – da rendere migliore la fruizione del servizio. Resta inteso che dovranno essere garantiti lo stesso numero di personale impiegato nell’ufficio postale ora chiuso, nonché lo stesso numero di sportelli. Ogni spesa relativa all’adeguamento dei locali messi a disposizione resterà a carico di Poste Italiane”.