Mercato immobiliare: è finita la tempesta?

Il rallentamento c’è, ma gli esperti prevedono un rialzo dell’8% nelle compravendite mentre tutti cercano la campagna. Intervista al presidente Ance Giovani Lazio Angelica Donati

21 / 09 / 2020

Il mercato immobiliare italiano, che chiuderà con un fatturato di un meno 15,2% rispetto al 2019, è però in ripresa. Ma si attendono rimbalzi importanti da qui al prossimo anno, con un più 7,8% nel nostro paese, trainato dal settore residenziale (più 9%, l’alberghiero va molto peggio poiché si contrae del 70%).

Cosa succede/è successo negli ultimi mesi nella provincia di Roma? Non va malissimo: secondo il sito specializzato Idealista.it, dal 16 aprile si è risvegliato un grosso interesse per gli acquisti, passando dal 30% al 34,1% rispetto ai mesi precedenti. E cresce la voglia di spazi esterni, balconi, terrazzi e soprattutto giardini (per chi ha la disponibilità economica). Il mercato si risolleva a Roma con relativo aumento dei prezzi e così la gente si sposta verso zone meno costose e soprattutto con maggiore “aria aperta”. E a questo contribuisce anche il grande ricorso allo smart working di molte persone, che dopo il lavoro vogliono attorno a loro bellezza e natura. Ne parliamo nelle pagine di economia del prossimo numero di Tiburno in cui c’è pure l’intervista ad Angelica Donati, presidente Ance Giovani Lazio. La neo responsabile dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili spiega pure cos’è il PropTech del business immobiliare.