I 5 consigli utili per piante belle anche dentro casa

23 / 09 / 2020

Ecco cinque regole da seguire

 

Il flower designer Giuseppe Spurio Riposati di Maria Arte del fiore di Villanova ci regala qualche consiglio su come permettere alle nostre piante di rimanere belle anche portandole dentro casa, ora che il tempo si fa meno clemente (l’intervista completa la trovate sul numero di Tiburno in edicola). Con una prima considerazione: ogni pianta è un essere vivente a se stante, diversa dalle altre, e ciascuna va trattata a seconda delle sue esigenze.

 

  • Pulizia assoluta contro calcare e polvere che si depositano sulle foglie. Basta igienizzarle con una pezzetta di stoffa bagnata in acqua oppure in acqua e latte. Così le piante verdi si riossigenano e si adattano meglio alle nuove condizioni di vita.
  • La posizione: vicino alle finestre senza che ci sia luce diretta. Lontano da fonti di calore, termosifoni, caminetti, ma pure da frigo o forni.
  • Quando è tempo di rinvasare, scegliere terriccio fresco, non avanzato e secco. Ma attenzione: deve essere il terriccio giusto per “quel” tipo di pianta, quello universale non va bene per tutto.
  • L’acqua: in linea di massima va bene innaffiare ogni settimana o 10/12 giorni (come è il caso della zamia, dipende dal tipo di pianta). Occhio al terriccio molto secco e a segni di sofferenza, tipo la pianta si affloscia o presenta foglie gialle. Meglio comunque meno acqua che farla “affogare”.
  • Il vaso: non serve sempre cambiarlo con il rientro in casa. In ogni caso non deve mai essere troppo grande perché sollecita la crescita delle radici a discapito delle foglie. Meglio preferire i vasi di terracotta, in cui le piante respirano.