TIVOLI – Pesca abusiva nell’Aniene e nelle cave dismesse, 4 multati

Beccati senza licenza dai Carabinieri Forestali della stazione di Guidonia: sanzioni per un totale di 1.080 euro

01 / 10 / 2020
foto di Aniene Wilderness
foto di Aniene Wilderness

Qualcuno utilizzava un numero di canne superiore a quello consentito, qualcun altro esche vietate per prendere pesci di dimensioni troppo piccole per essere pescati. Ma soprattutto nessuno aveva la licenza.
Per questo i Carabinieri Forestali della stazione di Guidonia in due distinti blitz hanno multato quattro uomini per un totale di 1.080 euro.
Il primo intervento è stato effettuato martedì 29 settembre in via dei Canneti a Ponte Lucano all’interno di tre cave dismesse e abbandonate acquisite dal Demanio, tre siti pieni d’acqua dolce proveniente dal vicino fiume Aniene.
E’ lì che i militari hanno sorpreso tre romeni residenti a Tivoli di 61, 33 e 30 anni a pesca di carpe e altri pesci: il primo è stato sanzionato per 420 euro perché senza licenza aveva catturato esemplari di dimensioni inferiori a quelle consentite, il secondo di 220 euro per aver utilizzato il bigattino, esca non consentita, il terzo dovrà pagarne 320 per essere stato trovato in possesso di un numero di canne superiore al limite previsto.
Ieri, mercoledì 30 settembre, lungo la sponda destra dell’Aniene a Castel Madama i Forestali hanno invece “pizzicato” un pensionato di 78 anni residente a Campolimpido di Tivoli mentre pescava con la licenza scaduta: per lui una sanzione amministrativa da 120 euro.