CIA Roma – Agriturismi e ristoranti di Roma e provincia in sofferenza, per il settore dell’agroalimentare, mesi difficili

"Il bonus della Regione Lazio non servirà a nulla, ci vogliono indennizzi rapidi per i ristoratori"

26 / 10 / 2020
<< Siamo preoccuopati per le misure sugli agriturisimi, costretti a rinunciare  a  molte prenotazioni e al comparto dell’agroalimentare che ne subirà  gravi conseguenze>>. Per Riccardo Milozzi presidente della Cia Roma, la Confederazione agricoltori italiani, sarà un periodo che metterà a dura prova il settore che dopo il DPCM vedrà gli agriturisimi ridurre il lavoro drasticamente e di conseguenza le limitazioni dei ristoranti, soprattutto a Roma, comporteranno un calo di vendite per i produttori ortofrutticoli e la filiera:  dalle carni al vino, per passare all’olio che in questo periodo di produzione non avrà vita facile<<  Ci troviano di fronte a una situazione delicata  con  delle misure che origineranno  danni irrecavobili non solo a ristoranti e agriturismi, ma anche alla catena dell’agroalimentare che nei nostri territori si regge principalmente con la Capitale. Parte del fattutato dei nostri agricoltori si genera con la ristorazione di Roma e con i romani che nei fine settimana scelgono la campagna o il mare per andare a mangiare – dice Milozzi -. Ora vi è  il rischio che molte stutture ricettive,  che hanno investito tanti soldi per le messa a norma dei locali, si ritrovino a valutare se chiudere o no. Sulle politiche verdi anche da parte della Regione Lazio è stato fatto ben poco. L’ultima misura di sostegno, il bonus ai ristoratori del 30% sugli acquisti dei prodotti locali, non è un metodo facile e rapido per dare ossigeno al settore. Sarebbe più efficace che parte dei soldi stanziati all’iniziativa siano concessi come indenizzo direttamente ad agriturismi e ristoranti, che mai più di ora ne hanno bisogno>>.