Saranno in Duomo funerali di Marisa Milani, poetessa tiburtina

07 / 12 / 2020

Si svolgeranno oggi in Duomo i funerali della poetessa tiburtina Marisa Milani. Ecco alcune delle sue più belle poesie in dialetto

Saranno celebrati questo lunedì pomeriggio, alle ore 15 presso la Cattedrale di Tivoli, i funerali della poetessa tiburtina Marisa Milani, venuta a mancare nella notte tra sabato e domenica.

Migliaia i messaggi di cordoglio apparsi su tutti i gruppi social della Città e tanti tiburtini hanno voluto condividere nuovamente alcune delle sue poesie in dialetto che il figlio, il collega di Teletibur Emilio Cellini, ogni tanto pubblicava. Le sue rime, le sue poesie, erano state pubblicate, negli anni, in diverse raccolte.

 

Eccone alcune:

PUPAZZO DI NEVE

Bianco pupazzo di neve
nato per gioco da piccoli e gelide mani;
in testa ti han messo un buffo cappello,
in bocca la pipa
e ti hanno avvolto in un largo mantello.
Stai dritto in un bianco giardino
coperto di candida neve,
così grande, imponente,
creato dal niente,
confuso tra un pino addobbato di luci
e festoni volanti di giallo dorati.
La tua vita è assai breve
o bianco pupazzo di neve!
Ti guardo con tanta tristezza,
vedendo con quanta allegrezza
si divertono i bimbi nell’averti creato!
Come effimera, bianca, leggera è la neve
che ti ha dato una vita sì breve!
Un piccolo raggio di sole
scioglierà le tue membra
ed io, soffrirò nel vedere
cadere il cappello, la pipa, il mantello!
Una grande pozzanghera d’acqua
resterà nel bianco giardino
vicino a quel pino
vestito di tanti festoni volanti!
MARISA MILANI

PEPPINO LU POSTINU

Fu propriu lu giorno de Natale che papà da casa se ne gghì, lascenno tre creature micche e mamma che stea male.
Io ero lu più rossu de li tre, ma guasi tutti della stessa età, ancora oggi n’ci posso arepenzà, ci lascià drento a na’ casa fredda e vota andò n’ci stea ne’ cottu e ne’ da coce a piagne n’dorno a n’tavulinu votu che n’ci stea mancu l’acqua da beve.

 

Mamma ci dicea, qua santu m’paradisu ci verà agghiutà!
Tuttu de m’bottu sentemo da abbussà, ghiemo aroprì la porta, ci stea m’Babbo Natale co’ do burze piene de dorci e de magnà, che n’ci la facea a portà.
Pusà le burze e ci dicì : “ Oggi a dà esse festa pure pe’ vui, gnisunu lu giorno de Natale a dà sta solu e abbandonatu, piagne lu Bambinellu, e a vui ci sta chi vi vo’ bè!”. Co’ la mani mannà m’bacittu a tutti e se ne gghì.
Allora mamma ci volle tutti e tre vecinu, e a me che ero lu più rossu, me fa’: “Paolì, quillu Babbo Natale che è venutu, lu so’ areconosciutu, è Peppino lu postinu, che cià portatu tutta sta’ grazzia de Dio pe’ facci festeggià, no’ vi lu scordete, è n’omo bbonu, e chi sa quello che dimà lu destinu vi po’arepusà?”.
Parole sante! So’ passati tant’anni, ma quello che me dicì mamma s’avveratu, nui tre fratelli ci semo fatti rossi, ciavemo la fammigghia, ci volemo bè.
Natale stea alle porte, se pensea a quello che dovemmio fa’, le spese, li regali, io pure ghiea cerchenno qualecosa da combrà, pe’ fa’ qua’ regalittu, però na’ giornata più fredda no’ la potea trovà.
N’girea n’anima viva, solu m’poru cristianu, tuttu aregnommeratu co’ n’mpardonacciu vecchiu sopre na’ panchina stea assettatu.
Me fece pena e me ciavvecinà a mo’ de salutallu, issu m’addimanna : “Che me conusci?”
“No, però l’aguri de’ Natale te li pozzo fa’!”. Me stennì na’ mani fredda, vasi congelata, ci dico : “ E’ friddu, vattene a casa”.
M’aresponnì : “ Che ci vagghio a fa’, sto solu solu, n’ciagghio gnisunu che m’aspetta”.
“Comme te ghiami?”
“Me ghiamo Peppino, so’ fattu tant’anni lu postinu”.
Appena che so’ n’tisu quillu nome, lu fiatu me sse’ fermatu n’ganna, n’so’ statu bbonu da’ potè parlà, però me lu so’ abbracciatu strittu strittu, n’saccio quanti baci ci so’ datu!
“Ma che me’ vò sfiatà?” Comme m’arepigghio me’ ci assettà vecinu, pe’ l’emozziò n’sentea più mancu lo’ friddu e n’cumingio areccontà.
“Peppì, so’ passati tant’anni, certu n’te’ lu po’ arecordà, io ero unu de’ li tre reazzitti, lu più rossu, che stemmio soli soli, papà appena se’ n’era ìtu e mamma porella che stea male e no’ciavemmio gnente pe’ potè magnà, ecco che t’ariva n’angelu vestitu da Babbo Natale, che ci lo portà, quill’angelu eri tu, no’ m’po’ sta solu, lu bambinellu no’ l’ha da’ fa’ piagne, mo’ te’ na’ casa roperta che te’ po’arescallà e tanti neputi micchi e rossi che te vorannu bè , pure na’ sedia vota che te’ sta’ aspettà e mamma m’paradisu, condenta, sta’ a pregà.
MARISA MILANI