TIVOLI – Ciao “Gepy”, idealista e uomo di Legge

Si è spento a 63 anni l’avvocato Giuseppe Manni, consigliere comunale tra il 1999 e il 2003

05 / 05 / 2021
L'avvocato Giuseppe Manni

Se n’è andato il primo Maggio, un giorno particolare e molto importante per un idealista come lui che si è sempre speso per i diritti dei più deboli fino a farne una professione.

Avvocato, politico, appassionato di Filosofia, Letteratura e Arte, Giuseppe Manni, per gli amici “Gepy”, ha combattuto per 4 anni contro l’Alzheimer, una malattia devastante che lo ha colpito nel “pensiero”, proprio ciò a cui teneva di più.

Sabato scorso il legale è deceduto all’età di 63 anni nella sua abitazione nel Centro storico di Tivoli dove viveva insieme alla moglie, Donatella Giuliani, logopedista della Asl Roma 5, e ai due figli.

Figlio di un maestro elementare, Giuseppe Manni aveva frequentato le scuole dell’obbligo al Convitto Nazionale di Tivoli e si era diplomato al Liceo classico “Amedeo di Savoia” per poi laurearsi in Giurisprudenza all’università “La Sapienza” di Roma fino a diventare Avvocato penalista e amministrativista.

Chi lo conosceva bene, racconta che quella di indossare la toga per Giuseppe Manni fu una scelta dettata dagli ideali di Giustizia, Senso civico e Difesa dei più deboli.

Ideali già definiti ai tempi del Liceo, quando “Gepy” militava nei Movimenti giovanili di Sinistra e in Democrazia Proletaria, ideali perseguiti anche quando fu eletto consigliere comunale nelle fila dei Ds dal 1999 al 2003.

 

L’APPROFONDIMENTO SU TIBURNO IN EDICOLA DA MARTEDI’ 4 MAGGIO 2021