Una storia dei nostri tempi

Simone Inzaghi e la conversione in un giorno per l’Inter

28 / 05 / 2021
Lazio's head coach Simone Inzaghi reacts during the Serie A soccer match between SS Lazio and Spezia Calcio at the Olimpico stadium in Rome, Italy, 3 April 2021. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Si vuole raccontare questa storia perché emblematica dei nostri tempi. Il lettore con simpatie precostituite tolga, se ci riesce, l’attenzione dai suoi affetti primari per lasciarsi accompagnare da una narrazione che dice molto dei sentimenti pervasivi della nostra fase, del valore che hanno le scelte dettate da convincimenti etici ed estetici e quelle invece determinate dai soldi.

Una storia di passione per la Lazio, quella di Simone Inzaghi. Era resistito al trattamento, per così dire, anti-sindacale e scorretto del presidente della Lazio nei suoi confronti. Le cronache parlano di quattro anni col contratto da rinnovare e un atteggiamento, quello di Lotito, che teneva l’allenatore sempre sui bracieri ardenti nonostante le ottime prestazioni della squadra romana. Ma non c’erano problemi, a detta del diretto interessato. Quello nei confronti della Lazio era amore, passione.

Fino a ieri le dichiarazioni di dedizione di Inzaghi erano lanciate nei portali di informazione sportiva.

Fin quando, proprio ieri, l’Inter bussa alla porta del Simone. Gli offre un contratto per cui praticamente raddoppia quello che guadagnava nella Lazio. Il team che ha appena liquidato Antonio Conte gli offre quattro milioni e mezzo più i bonus per scollinare tranquillamente a cinque.

Tutti pensano che Inzaghi voglia semplicemente aumentare la posta con Lotito. Quella grande passione per i colori azzurri che hanno reso la Lazio una squadra veramente temibile da tutti non può finire così. E invece finisce. Inzaghi si accorda con l’Inter.

Una storia che ci racconta di cose come passione e amore che durano fino alla proposta contraria e più vantaggiosa.