La tua città, ovunque tu sia

Cordoglio immenso per il vigile del fuoco Stefano Colasanti

06 / 12 / 2018

  Sono tantissimi i messaggi di cordoglio nel ricordo di Stefano Colasanti, il vigile del fuoco che ieri ha perso la vita nel corso dell’incendio-esplosione di via Salaria. Aveva 50 anni e faceva questo mestiere da 21 anni, lascia una figlia.

passo corese-distributore fiammeTutto è avvenuto in via Salaria al km 39, all’altezza di Borgo Quinzio, durante un travaso di cisterna. Sul posto si sono precipitati i vigili del fuoco Rieti, Roma-Montelibretti. Stefano Colasanti non era in servizio, era di passaggio e capisce subito che quella che ha di fronte è un’emergenza e presta il suo aiuto. Intanto c’è il tentativo di domare le fiamme e poi l’esplosione che travolge i presenti e li scaraventa a distanza, Stefano non ce la fa. Tra i feriti altri vigili del fuoco, operatori del 118.

 

“All’arrivo sul posto  la vista di un inferno di fiamme e  la cisterna coinvolta scaraventa a oltre 70 metri dal luogo dove si trovava” scrive in una nota l‘Unione Sindacale di Base dei Vigili del fuoco. E ancora: “Stefano è una vittima del dovere che deve farci riflettere tutti sulla pericolosità del nostro mestiere. Oggi i riflettori si accendono nuovamente sui vigili del fuoco ma il prezzo che dobbiamo pagare tutti è di un dolore immenso. Stefano è deceduto, vigile del fuoco dal 1997, ha dato la sua vita nel tentativo di salvare delle vite. Di tutto il resto adesso non vogliamo parlare. Rimane il dolore immenso, per Stefano, per i suoi familiari, per i colleghi feriti. Signori ministri, signori della politica, non chiamatelo eroe solo per scaricarvi la coscienza. Chiamate Stefano per quello che era: un vigile del fuoco, nonostante tutto, nonostante tutti voi”. 

 

Sua Eccellenza Mons. Ernesto Mandara, Vescovo di Sabina-Poggio Mirteto ha espresso il proprio cordoglio al Corpo dei Vigili del Fuoco  e ai familiari delle vittime.

 

Una tragedia che ha avuto eco nazionale, non a caso anche nella sede centrale del comando vigili del fuoco di Napoli alle 7:59 di oggi c’è stato un minuto di raccoglimento in onore del loro collega Stefano Colasanti.

esplosoione 051218-1 “Una tragedia devastante, che registra due morti, uno dei quali un Vigile del fuoco. Alle famiglie e ai cari delle vittime vogliamo esprimere il nostro cordoglio e siamo vicini ai tanti feriti, come al Vigile del Fuoco ricoverato in condizioni gravissime e come ai lavoratori del 118 prontamente intervenuti e investiti dalle fiamme”. Così la Fp Cgil Roma e Lazio e la Fp Cgil Nazionale in merito all’esplosione avvenuta oggi in un distributore di carburante sulla via salaria, nel reatino, e che al momento avrebbe registrato decine di feriti e due vittime. “Non è il momento questo di fare valutazioni sulla natura dell’incidente, aspettiamo e rispettiamo il lavoro che dovrà fare la Magistratura – aggiungono -. Il nostro pensiero e le nostre priorità vanno adesso alle vittime e ai feriti coinvolti e nelle prossime ore, insieme alle altre organizzazioni sindacali, metteremo in campo iniziative di solidarietà e di concreto sostegno. Ma non possiamo non ribadire, ancora una volta, come il nostro paese debba fare del tema della salute e della sicurezza sul lavoro una assoluta priorità. Le morti sul lavoro che registriamo sono un vero e proprio bollettino di guerra ed è ora di dire basta”, concludono Fp Cgil Roma Lazio e Nazionale.