GUIDONIA – Colpo notturno in birreria, rubati i soldi del fondocassa

Ladri a segno all’Old Ireland Pub di Via delle Gerbere, a La Sorgente. Il titolare: “Territorio fuori controllo”. L’elenco di tutti i furti degli ultimi due mesi

02 / 01 / 2020

Hanno forzato la saracinesca e scardinato la porta d’ingresso. Così all’alba di oggi, giovedì 2 gennaio, i “soliti ignoti” hanno fatto razzia all’Old Ireland Pub di Via delle Gerbere 67, alla lottizzazione “La Sorgente” a Colle Fiorito di Guidonia.

 

Matteo Muggeo

Secondo il racconto del titolare Matteo Muggeo, la banda è entrata in azione alle 5,45, orario in cui è scattato l’allarme interno del locale collegato col cellulare del commerciante.
Forzata la serranda, i malviventi hanno letteralmente distrutto la porta di legno artigianale d’accesso al pub irlandese aperto nel 2014 per la prima volta finito nel mirino. A quel punto, i balordi hanno messo a soqquadro il bancone rovistando ovunque e portando via il cassetto del registratore di cassa contenente un centinaio di euro in monete.
“E’ il primo furto che subiamo in cinque anni, ma il danno è di gran lunga maggiore del bottino – commenta amareggiato Matteo Muggeo, il 29enne di Guidonia che gestisce il locale di Via delle Gerbere in società con la compagna Francesca Romana Pagliaro e la cognata Giovanna Pagliaro – Purtroppo negli ultimi due mesi tante attività commerciali sono state prese di mira di notte, sintomo evidente di uno scarso controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine.
Provo dispiacere per noi e per tutti quei giovani che vogliono crearsi un futuro investendo denaro, tempo e impegno per poi vedersi spezzati i sogni da avvenimenti simili.
Per il futuro? Potenzieremo la videosorveglianza e il sistema di allarme per evitare di incappare in altre disavventure”.
“In giornata – conclude il 29enne raggiunto telefonicamente mentre rientra in città da una vacanza – presenterò denuncia ai carabinieri della Tenenza di Guidonia. So che una pattuglia è passata davanti al locale un quarto d’ora dopo il furto, i ladri sono stati anche fortunati”.

I PRECEDENTI

Vale la pena ricordare che negli ultimi due mesi varie attività commerciali di Guidonia Montecelio sono state razziate da quella che oramai è nota come la “Banda dei Bar”.
L’ultimo assalto in ordine di tempo era stato quello consumato all’alba di martedì 10 dicembre presso il punto ristoro della “Maremmana Petroli”, l’area di servizio di via Pantano 24 a Guidonia, lanciato un’auto-ariete contro la saracinesca per rubare una scatola di cioccolatini e una manciata di monete dal fondo cassa.
Il colpo fu messo a segno alle 3 del mattino e ripreso dalle telecamere di videosorveglianza dell’impianto carburante da quattro uomini incappucciati sopraggiunti a bordo di due auto, utilizzando una Fiat Bravo rubata come ariete.
All’interno del locale i malviventi avevano arraffato dei cioccolatini e circa 120 euro in monete facendo danni per qualche migliaio di euro. Un “lavoro” eseguito in due minuti netti, poi la fuga.
La scorribanda della “Banda dei Bar era iniziata nella notte tra venerdì 15 e sabato 16 novembre con la “visita” al punto ristoro interno al centro sportivo “Villalba Ocres Moca 1952” dell’imprenditore Pietro Scrocca in via Pantane, a Villalba. Bottino da 2 mila euro danni compresi: bibite, caramelle, cioccolate, pacchi di caffè, un macinino per caffè, alcune confezioni di bicchieri, un proiettore e abbigliamento sportivo.
Sabato pomeriggio 16 novembre il presidente della “Asd Polisportiva Sant’Angelo Romano 1970” Massimiliano Lucani aveva scoperto la razzia nel punto ristoro dello stadio comunale “Fiorentini” di via della Piscina a Montecelio. Bottino: merce per un valore di circa 200 euro tra cioccolate, caramelle, patatine, lattine di Coca-Cola e aranciate, succhi di frutta e bevande energetiche, oltre a 20 euro in monete dal fondo cassa.
All’alba di giovedì 21 novembre l’assalto più clamoroso, quello ai danni dello storico “Bar Fortunati” all’angolo tra via Trento e Corso Italia, a Villalba, dove tre ladri hanno razziato tabacchi per un valore di circa 12 mila euro, oltre a un migliaio di euro lasciati come fondo cassa e “Gratta e Vinci” per un valore di circa 1.500 euro.
Prima di entrare in azione la banda aveva bloccato con del fil di ferro il portone di casa di Sergio Fortunati, il papà del titolare Enrico, che abita a pochi metri dal locale per evitare che il commerciante uscisse in strada al suono dell’allarme.
Nella notte tra giovedì 28 e venerdì 29 novembre la “Banda dei Bar” aveva preso di mira “Dar Pek”, lo storico chiosco di via Cristoforo Ferrari a Guidonia gestito da Roberto Carloni confinante con l’aeroporto “Alfredo Barbieri”. I ladri in questo caso hanno praticato un foro sul retro razziando tabacchi, un computer e il cassetto del registratore di cassa con all’interno spiccioli per un centinaio di euro.
Nella notte tra sabato primo e domenica 2 dicembre stessa sorte era toccata al “Bar Ilaria” al civico 178 di via Romana davanti al cimitero di Montecelio. Bottino denunciato dal titolare Damiano Chini, tabacchi, cioccolate, bottiglie di prosecco e grappa, prodotti surgelati e un computer per un valore di oltre 3 mila euro, senza contare la riparazione della saracinesca.