Tivoli – Acquisti: non è applicato il limite dei mille metri negli spostamenti sul territorio comunale

27 / 03 / 2020

Con l’ordinanza n. 140 del 27 marzo 2020 il Comune di Tivoli chiarisce le modalità dello spostamento delle persone fisiche da casa, per quanto riguarda, in particolare, la spesa alimentare e l’acquisto dei beni di primaria necessità. “La cittadinanza”, si legge nel testo dell’ordinanza, “è tenuta a effettuare l’approvvigionamento:

–          a una distanza non superiore a metri 1000 dalla propria residenza, domicilio o dimora, salvo le ipotesi di acquisito di beni e prodotti non presenti negli esercizi più prossimi. Tale limitazione non si applica per gli spostamenti effettuati all’interno del territorio comunale;

–           nelle immediate vicinanze del luogo in cui è svolta l’attività lavorativa o presenti lungo il percorso ricompreso tra la sede di lavoro e la propria residenza, domicilio o dimora”.

“Già nella prima mattinata di oggi è stata disposta l’integrazione del testo dell’ordinanza n.137 del 25 marzo, che sembrerebbe aver generato dubbi – spiega il sindaco Giuseppe Proietti – comunicando la decisione anche ai capigruppo collegati via Skype in teleconferenza. Ordinanza che, ricordo, era nata per rispettare i decreti governativi che invitano con forza a limitare gli spostamenti anche per gli acquisti negli esercizi commerciali”.

Si ricorda che, a tal proposito, era intervenuta anche una circolare del Gabinetto del ministero dell’Interno (n. 15350/117 del 25 marzo 2020) che consente “di allontanarsi dalla propria abitazione per comprovate situazioni di necessità che rivestano carattere di quotidianità o comunque siano effettuati abitualmente in ragione della brevità delle distanze da percorrere. Rientrano, per esempio, in tale casistica, gli spostamenti per l’approvvigionamento di generi alimentari nel caso in cui il punto vendita più vicino e/o accessibile alla propria abitazione sia ubicato nel territorio di un altro Comune”.

“La distanza dei mille metri – spiega il sindaco – era stata calcolata perché avrebbe permesso comunque alla popolazione dell’intera città di raggiungere i punti vendita presenti nelle vicinanze, fornendo così una maggiore garanzia di tutela sanitaria in un momento in cui anche l’Istituto nazionale di sanità continua a invitarci a mantenere alto il livello distanziamento sociale quale misura fondamentale per contenere l’espandersi dell’epidemia. Considerando che la maggior parte degli esercizi commerciali più grandi, dotati dei parcheggi agevoli per coloro che si spostano in macchina sono per lo più decentrati, l’ordinanza che ho firmato questa mattina permetterà di raggiungere qualunque punto vendita presente sul nostro territorio senza limitazioni. Non è applicato, dunque, il limite dei mille metri negli spostamenti che ricadono all’interno del Comune di Tivoli per fare acquisti, che si auspica possano essere effettuati una sola volta a settimana”.