Entrate tributarie: giù di oltre 6 milioni di euro

I dati di Banca d’Italia riferiti ad aprile indicano una perdita del 20,4% rispetto allo stesso periodo del 2019

18 / 06 / 2020
SOLDI DENARO EURO BANCONOTE MUCCHIO MUCCHI PACCO PACCHI SACCO SACCHI

Meno 6,2 miliardi di euro per le entrate tributarie: sono 24,2 miliardi, in diminuzione del 20,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I numeri, riferiti al mese di aprile, arrivano dalla pubblicazione “Finanza pubblica, fabbisogno e debito” della Banca d’Italia e risentono della sospensione di alcuni versamenti fiscali disposta dai decreti “Cura Italia” e “Liquidità” e del peggioramento del quadro macroeconomico. Nei primi quattro mesi del 2020 le entrate tributarie sono state pari a 119,1 miliardi, in diminuzione del 2,8 per cento (-3,4 miliardi) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Ad aprile il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 36,0 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.467,1 miliardi. L’incremento riflette, oltre al fabbisogno del mese (17,7 miliardi), l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (16,8 miliardi, a 46,9). E ancora: il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 35,1 miliardi, quello delle Amministrazioni locali di 0,8 miliardi e quello degli Enti di previdenza di 0,1 miliardi.