TIVOLI – Furto di attrezzi al bowling, ladro incastrato dalle telecamere

Un 57enne italiano ruba frullini, saldatrici, martelli demolitori e fugge sulla propria auto con un bottino di 8 mila euro. Rintracciato e denunciato dalla Polizia Provinciale: rinvenuta una minima parte della refurtiva

31 / 07 / 2020

In pieno giorno aveva razziato decine di attrezzi, ma le telecamere di sicurezza lo hanno filmato in azione riprendendo anche il numero di targa della sua auto.
Così gli agenti della Polizia Provinciale hanno rintracciato e denunciato per furto A. T., un 57enne romano già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio.
L’uomo è l’autore della razzia ai danni della “RomaMundi Srls”, impresa edile tiburtina che gestisce la manutenzione del “Cosmico Bowling”, il locale di via Maremmana inferiore 56 a Villa Adriana.
Secondo la ricostruzione degli agenti del distaccamento di Villa Adriana, verso le 15,30 di lunedì 27 luglio A. T. si è presentato a bordo della sua utilitaria nell’area esterna del “Cosmico Bowling”, dove è ubicato un container all’interno del quale era custodita l’attrezzatura da lavoro.
Il 57enne, dopo aver scardinato il lucchetto, ha caricato in auto una ventina di attrezzati tra frullini, saldatrici, tastellatori e martelli demolitori, materiale per un valore di circa 8 mila euro, per poi dileguarsi.
L’indomani uno dei due titolari della “RomaMundi Srls” ha presentato denuncia alla Polizia Provinciale e gli investigatori hanno analizzato le immagini registrate dalle telecamere interne ed esterne di un sofisticato impianto di videosorveglianza di cui il locale è dotato.
Nelle immagini si vedeva chiaramente sia A. T. mentre trafugava in tutta tranquillità gli attrezzi che la targa dell’auto utilizzata per trasportarli.
Ieri mattina, giovedì 30 luglio, con un mandato di perquisizione firmato dal pubblico ministero di turno in Procura Filippo Guerra, il blitz degli agenti nell’abitazione del 57enne nella zona di Tor Cervara, estrema periferia della Capitale.
L’uomo aveva già venduto la maggior parte degli attrezzi e gli era rimasta una delle due saldatrici trafugate e una pompa a immersione rotta restituita ai proprietari.