Quanto vale l’economia sommersa

Rappresenta l’11,9% del Pil che arriva da prostituzione, riciclaggio, droga e tanto da lavoro in nero: lo dice l’Istat

16 / 10 / 2020

L’economia sommersa vale un Pil di 11,9%, un qualcosa come 211 miliardi di euro che arriva da contrabbando, prostituzione, commercio di droga, riciclaggio ma anche da tanto lavoro in nero (quello svolto dagli “invisibili” in edilizia e ristorazione, ad esempio, non dimenticando gli affitti). È l’Istat a rilevarlo a proposito della cosiddetta “economia non osservata nei conti nazionali”. I dati si riferiscono agli anni 2015-2018 ma non sono pochi gli spunti per capire un rialzo delle cifre causa Covid che ha reso tante categorie di lavoratori irregolari ancora più fantasmi e difficili da individuare dai canali ufficiali.

Secondo il rapporto, le unità di lavoro irregolari nel 2018 sono state 3 milioni 652 mila, in calo di 48 mila unità rispetto al 2017.

Entrando nel dettaglio, per l’Istituto Nazionale di Statistica, il 40,3% del sommerso economico si concentra nei settori di commercio, trasporti, alloggio e ristorazione, dove si genera il 21,3% del valore aggiunto totale.

La percentuale di sommerso nei servizi alle persone (dai badanti ai baby sitter ai collaboratori domestici) è del 36,1%. È invece meno presente nei comparti industriali in senso stretto, dove risulta tra l’1,2% e il 3%.

(foto https://fai.informazione.it/)